Il Tar della Campania rigetta la sospensiva sul biodigestore

GRICIGNANO DI AVERSA – Si fa una grande polemica per quel che concerne il biodigestore di Caserta ma anche a Gricignano d’Aversa potrebbe sorgere altro impianto di trattamento di rifiuti e/o biodigestore.

Adriana 640×300

Su tale tematica si è  pronunciato il TAR della Campania,  (II° sezione, presidente Paolo Corciulo) non ha concesso la sospensiva richiesta da “Ambyenta Campania” sugli atti amministrativi della Asi Caserta (Area Sviluppo Industriale) e dalla Regione, che hanno bloccato l’iter di realizzazione di un Biodigestore a Gricignano d’Aversa (Caserta) – “Ambyenta Campania“, controllata da “Sersys Ambiente” (impresa di servizi ambientali), aveva presentato ricorso d’urgenza al Tribunale Amministrativo Regionale della Campania chiedendo una sospensiva per gli atti della conferenza di servizi del 18 gennaio scorso, cioè il parere negativo del Comitato direttivo del Consorzio Asi all’assegnazione di un lotto di terreno nel territorio di Gricignano di Aversa dove edificare l’impianto di rifiuti. Parere negativo era stato espresso anche dal Rappresentante Unico della Regione Campania. Il TAR non ha ravvisato alcun danno imminente, rinviando all’udienza collegiale del 15 febbraio la trattazione della richiesta di sospensiva. L’ 11 febbraio si terrà comunque l’ultima conferenza di servizi sul Biodigestore di Gricignano d’Aversa da cui dovrebbe scaturire la decisione finale sulla realizzazione dell’impianto, che sarà presumibilmente negativa.