AGM Servizi Sanitari 582×215

Intervista alla dott.ssa Lerro: il legame tra stress e covid

Abbiamo intervistato la dott.ssa Mariavittoria Lerro, psicologa e psicoterapeuta, per approfondire un argomento di rilevanza notevole in questo periodo particolare che tutti stiamo vivendo per la prima volta e probabilmente nessuno sa come affrontare nel giusto modo. Per voi di seguito qualche consiglio di una persona esperta nella gestione dello stress e dei traumi durante e dopo questa terribile pandemia.

Che relazione esiste tra PTSD, ovvero, Disturbo Post- Traumatico da Stress e Sars-CoV-2?

La risposta è piuttosto chiara, se consideriamo l’emergenza sanitaria nella quale siamo stati catapultati, è facile pensare e per noi esperti osservare, le conseguenze psicologiche che in molti stanno sperimentando, ormai da circa 8 mesi. Questa terribile pandemia, ci ha portati a vivere la lontananza fisica ed affettiva, con ovvie ripercussioni nella sfera sociale. Questa forma di pregnante disagio, è aumentato esponenzialmente in coloro i quali, hanno contratto il Sars-CoV-2, i quali oltre al problema di salute fisica, hanno vissuto intensamente la paura legata alla propria sopravvivenza.
Cos’è il Disturbo Post-Traumatico da Stress?

Il PTSD è una patologia che può svilupparsi in persone che hanno subìto o hanno assistito a un evento traumatico, catastrofico o violento, oppure che sono venute a conoscenza di un’esperienza traumatica accaduta a una persona cara. A tutti noi può capitare di vivere esperienze soverchianti, spaventose e percepite come al di fuori del nostro controllo, come essere coinvolti in un incidente stradale o subire un’aggressione. In particolare, alcune figure professionali – ad esempio, militari, membri delle forze dell’ordine, personale sanitario o vigili del fuoco – hanno maggiori probabilità di essere esposti a episodi o dettagli particolarmente violenti e sconvolgenti. La maggior parte delle persone riesce a superare lo shock iniziale senza necessità di supporto aggiuntivo; se però la sofferenza della vittima si prolunga per oltre un mese dall’esposizione al trauma e interferisce significativamente con la vita lavorativa, sociale o scolastica dell’individuo, va posta la diagnosi di PTSD. Nel caso di soggetti che hanno contratto il Covid-19, ovviamente il rischio che si sviluppi un PTSD è maggiore. Se non trattato adeguatamente, questo disturbo può durare tanto tempo portando il soggetto a vivere una vita caratterizzata da grandi difficoltà personali, professionali, affettive e sociali.
Quali interventi possono essere adottati?

La Terapia Cognitivo-Comportamentale è tra le forme di intervento più efficaci per affrontare un PTSD, inoltre, evidenze scientifiche dimostrano, quanto sia utile tale approccio terapeutico nella gestione dell’ansia, intervenendo sui pensieri disfunzionali che generano comportamenti disadattivi.

Dott.ssa Mariavittoria Lerro
Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale