JABIL MARCIANISE, ANCORA ESUBERI DEI LAVORATORI DA RISOLVERE DOPO L’INCONTRO A ROMA PROROGA CASSA INTEGRAZIONE DI SEI MESI

MARCIANISE – La vicenda Jabil, di Marcianise continua a tener banco dopo l’incontro tenutosi a Roma nella giornata del 17 settembre, risulta ancora  ‘senza soluzione’.

Dicevamo dell’incontro a ROMA al Minsitro del Lavoro ebbene, si è tenuto l’incontro fra le OO.SS. la direzione aziendale, il funzionario del Ministero dott. Savio e la Regione Campania rappresentata dall’assessore al Lavoro dott.ssa Palmeri. L’ordine del giorno dell’incontro era l’esame congiunto per la richiesta di proroga della CIGS per crisi aziendale. Il Ministero ha confermato la possibilità di ottenere una proroga di 6 mesi dell’ammortizzatore sociale, specificando che attualmente c’è la copertura economica fino al 10 novembre, il restante periodo a concorrenza dei sei mesi sarà con ogni probabilità finanziato successivamente, previo decreto da parte del governo centrale. Le parti hanno trovato un’intesa per la concessione della proroga della cigs, siglando un accordo quadro, che prevede l’uscita con esodi incentivati e un piano di ricollocazione che interesserà tutti i lavoratori. L’accordo siglato ha il merito di mettere in sicurezza lo stabilimento, tuttavia la situazione industriale ed occupazionale nel suo complesso continua ad essere preoccupante. Un prossimo incontro presso il MISE (Ministero dello Sviluppo Econimico), deve essere propedeutico a garantire e certificare un serio programma di ricollocazione, oltre alla presentazione di un piano industriale che rilanci il sito di Marcianise.