La Fiaccola della Pace ad Acerra pianta l’Albero dei 100 anni della grande guerra contro i crimini ambientali

La Scuola del 4° Circolo riceve il titolo di "Scuola di Pace del III Millennio".

ACERRA – Al 4° Circolo di Acerra (NA) che da quest’anno è alla nuova direzione della grande preside Rosanna Bianco, nel giorno dedicato a Francesco d’Assisi, il santo della Pace e Patrono dell’Ecologia, è arrivata la “Fiaccola della Pace” dei 100 anni della grande guerra e ha piantato l’Albero della Pace, il monumento vivo sempreverde simbolo della vita che mai muore, dedicato a “tutti i caduti e alle vittime delle guerre, stragi, attentati, terrorismo, criminalità, violenze e mafie di Acerra e nel mondo, dai 100 anni ad oggi.

Alla dedica della mobilitazione, è stata aggiunta ancora una dedica: ” Contro ogni crimine e terrorismo ambientale in Terra dei Fuochi, Campania, Italia e nel mondo”.

La scuola diretta dalla grande Preside Rosanna BIANCO, dopo essere stata insignita (10 anni or sono) della “Colomba Ambasciatrice di Pace”, con l’adesione alla mobilitazione della Fiaccola della Pace, ha ricevuto l’ennesimo titolo di “Scuola di Pace del III Millennio” mediante il “Patto di Pace” siglato tra il Movimento Internazionale per la Pace e la Salvaguardia del Creato III Millennio attraverso le mani della Presidente Agnese GINOCCHIO ed il 4° Circolo didattico attraverso la Dirigente scolastica Rosanna Bianco.

L’evento, promosso dal Movimento internazionale per la Pace, è stato organizzato dal 4° Circolo e patrocinato dal Comune di Acerra retto dal Sindaco Raffaele LETTIERI, ufficialmente presente insieme all’assessore alla Pubblica Istruzione Milena PETRELLA. Dopo il saluto della Preside Rosanna Bianco che ha marcato sull’importanza di difendere ogni giorno il sacrosanto valore della Pace e dell’articolo 11 della Costituzione, ricordando quante guerre che nel mondo causano laceranti ferite e traumi a tanti bambini, “Per questo motivo non possiamo far finta di nulla sono fatti che ci riguardano tutti” – ha esordito.

A seguire il saluto del Sindaco Lettieri che, sentendosi onorato per essere presente a quest’importante evento, ha ricordato l’importanza di seguire sempre validi esempi di persone che con le loro azioni sanno ergersi come esempio è avvenuta l’accensione la consegna della Fiaccola della Pace che la Presidente insieme al vice del Movimento per la Pace, ha consegnato al Sindaco Lettieri, che a sua volta l’ha consegnata all’ Assessore alla Pubblica Istruzione Petrella, per poi consegnarla alla Preside Rosanna Bianco, la quale ha poi raggiunto i giovani alunni radunatisi nel cortile della scuola per consegnarla alla prof.ssa Madda GRAZIOSO la quale l’ha consegnata al rappresentante degli alunni partecipanti, che a sua volta l’ha consegnata ai rappresentanti delle classi partecipanti.

Gli alunni, vestiti con mantelline riportanti tutti i sette colori dell’ Arcobaleno della Pace, nell’area antistante l’edificio scolastico, hanno dato vita ad un “flash – mob” sul tema della Pace e della difesa dell’ambiente. Presenti anche molti genitori degli alunni a sostenere l’importante iniziativa. A seguire ci si è diretti presso il giardino della scuola per la cerimonia della piantumazione dell’Albero della Pace a cui hanno partecipato la Dirigente scolastica Rosanna Bianco, il Sindaco Lettieri, l’Assessore Petrella, la Presidente del Movimento per la Pace Agnese Ginocchio, il vice Presidente Ponsillo, e gli alunni rappresentanti della scuola.

Qui è avvenuta la declamazione del “Patto di impegno per la Pace e la Salvaguardia del Pianeta Terra e delle terre campane” da parte del vice Presidente Gino Ponsillo, poi consegnato al Sindaco e alla Preside. Di nuovo ci si è diretti presso la sede antistante della scuola dove erano ad attendere il resto degli alunni e tutti i genitori. Quindi è avvenuta la cerimonia finale della “Sigla del Patto di Pace” attraverso il quale la Scuola ha ricevuto il titolo di Scuola di Pace del III Millennio e a seguire alla presenza della Fiaccola della Pace riconsegnata nelle mani del vice Presidente Ponsillo, “Ambasciatore dell’ambiente”, è avvenuta la sottoscrizione del “Patto di impegno per la Pace e la Salvaguardia del Pianeta Terra e delle terre campane” sottoscritto da tutte le Istituzioni presenti, Preside Bianco, Sindaco Lettieri, Assessore Istruzione Petrella, dal rappresentante dei genitori Roberto Santucci e dalla rappresentante dei giovani alunni Aurora Maglione.

“Voi tutti giovani alunni, siete da oggi tutti piccoli “Ambasciatori di Pace”, promuovete ogni giorno gesti di Pace con l’esempio e le azioni di vita”.Ha ricordato la presidente Agnese Ginocchio. Proprio dal Comune di Acerra, uno dei primi Comuni campani della Terra dei fuochi colpito dall’emergenza rifiuti e roghi tossici e dove anni or sono si partì la prima mobilitazione contro i rifiuti promossa dall’allora Comitato contro l’inceneritore di Acerra di cui portavoce era l’Avv. Tommaso Esposito, l’Albero della Pace piantumato nel 4° Circolo didattico dedicato contro tutti i crimini ambientali e alle vittime di ogni crimine ambientale in Terra dei Fuochi e in Campania, viene a ricordare a tutti, in primis alle Istituzioni preposte, l’impegno di proteggere la vita e la salute di dei nostri figli, verso i quali abbiamo gravi responsabilità, e tutelare il futuro della Campania Felix. Ci resta poco tempo, urge un cambio di rotta e un programma politico in cui venga immediatamente messo al centro la difesa della vita e della salute pubblica. Bando le chiacchiere fatte finora, è tempo di agire, come ci ha ricordato anche la giovanissima attivista svedese Greta Thunberg, ed agire con azioni urgenti. La politica dunque sia buona politica a servizio della Pace.

Ma è chiaro che accanto all’azione politica ogni singolo cittadino deve fare la sua parte collaborando a cambiare i propri stili di vita a non produrre rifiuti in eccesso, a non inquinare e sporcare l’ambiente, a non gettare indiscriminatamente rifiuti ovunque, a non pensare esclusivamente al proprio orticello, ma andare oltre, e quindi sorvegliare e agire. La Terra nostra casa è in crisi. Salviamola. Un grazie all’intero Istituto scolastico per la buona riuscita della manifestazione. In alto la Pace!