L’ARCHEOTRENO FA TAPPA A S.MARIA C.V. IN OCCASIONE DELLE GIORNATE EUROPEE SUL PATRIMONIO

All’Anfiteatro andranno in scena le Spartachiadi in collaborazione con il CONI: weekend ricco di appuntamenti sabato 20 e domenica 21 settembre

L’Archeotreno Campania, il treno storico della Fondazione FS, farà tappa a Santa Maria Capua Vetere in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio (GEP 2019) durante le quali la nostra Città ospita le Spartachiadi, la mostra “Mitra a Capua Vetere tra Oriente e Occidente” nonché lo spettacolo “Le divinità di Capua, il sacro in mille volti”, grazie all’eccellente sinergia tra il CONI, il Polo Museale della Campania con le dottoresse Anna Imponente e Ida Gennarelli e l’amministrazione guidata dal sindaco Antonio Mirra con gli assessori allo Sport Claudia Imparato e il delegato agli Eventi Gerardo Di Vilio.

La giornata di domenica 22 settembre, in particolare, rientra in una più ampia attività di co-marketing avviata dall’amministrazione Mirra attraverso la consulente al marketing territoriale dott.ssa Floriana Iannone con la Fondazione FS che, in occasione delle tappe dell’Archeotreno Campania, ha previsto una fermata a Santa Maria Capua Vetere contribuendo a promozionale il ricco programma cittadino a livello regionale e nazionale.

L’evento dell’Archeotreno consente infatti di diffondere l’immagine e il nome della nostra Città appunto su circuiti regionali e nazionali: l’iniziativa infatti è attualmente pubblicizzata su tutti i treni regionali della Campania, attraverso passaggio sui monitor presenti a bordo delle carrozze, sui totem self-service presenti in tutte le stazioni ma soprattutto attraverso una pubblicazione sul numero di settembre 2019 di Edizioni La Freccia, rivista che si trova su tutti i treni della Fondazione FS.

Il programma dell’Archeotreno Campania (domenica 22 settembre). I turisti viaggeranno a bordo di una locomotiva elettrica d’epoca e carrozze degli anni ’30. La partenza è prevista da Napoli Centrale alle 09.05 con arrivo a Santa Maria Capua Vetere alle 09.42; la corsa di ritorno parte dalla nostra città alle ore 17.43. Per le tariffe, modalità di acquisto dei biglietti e ogni altra informazione utile è possibile consultare la sezione specifica della Fondazione FS (fondazionefs.it) dedicata esclusivamente alla scoperta dell’antica Capua.

Il programma turistico. Per l’occasione i visitatori saranno guidati alla scoperta dei culti orientali e, in particolare, quello solare di Mitra, i protagonisti della mostra “Mitra a Capua Vetere tra Oriente e Occidente”, ospitata al Museo, che presenta il culto mitraico nell’insieme dei culti orientali, la sua diffusione in Campania e, più in generale, nel mondo romano, evocando il rituale e le cerimonie iniziatiche degli adepti alla religione, che in Occidente assume caratteri misterici, diffondendosi soprattutto tra militari e schiavi. I visitatori, accompagnati da particolari suoni ed effetti visivi, potranno immaginare all’interno di un Mitreo virtuale i riti che si celebravano nella sala di culto e il percorso di iniziazione cui era sottoposto l’adepto per giungere, attraverso i sette gradi, alla purificazione e alla salvezza dell’anima. La mostra si apre con la diffusione dei culti provenienti dall’Oriente e si svolge attraverso una sequenza di ambienti, ognuno dei quali dedicato ad una o più divinità, tra le quali Iside, di cui è esposta la pregevole testa conservata al MANN, rinvenuta a Pompei.

 

Inoltre, ai piccoli visitatori saranno dedicati i percorsi di gioco Mitici Incontri nel “labirinto” alla scoperta del filo rosso e del mito di Teseo e Arianna, articolati negli ampi spazi interni ed esterni del museo, della mostra, della ludoteca con le operatrici del progetto Arteteca.