Il vice sindaco Domenico Vagliviello fa chiudere Piazzetta 28 Maggio per i troppi insetti e dispone disinfestazione

Proprio il proliferare abnorme di insetti sono alla base delle proteste dei residenti di Piazzetta 28 Maggio 1977 e sino a Via 8 Marzo che hanno protestato per l’invasione, lungo la strada ed il marciapiede di migliaia di insetti.

SAN MARCO EVANGELISTA – Con l’arrivo dell’estate c’è un forte aumento di insetti di varie specie e quando la temperatura sale intorno ai 40°, come negli ultimi giorni, anche gli insetti aumentano di numero. Oltre ad affrontare il caldo torrido, gli italiani devono scontrarsi con l’arrivo degli infestanti e sul podio dell’insetto più odiato troviamo la zanzara. Chiunque viva, in queste settimane, le ondate di calore su una sponda o l’altra del Mediterraneo, sappia che le cicale friniscono – si dice così – con maggiore sonorità quanto più aumenta la temperatura.

Proprio come parecchi altri insetti, il numero delle cicale è proporzionale al caldo. Ma è anche il caso in particolare di zecche, zanzare e mosche che si stanno moltiplicando a dismisura. Tra gli animali che stanno beneficiando del clima surriscaldato figurano anche i moscerini della frutta, gli scarafaggi e le pulci. Proprio il proliferare abnorme di insetti sono alla base delle proteste dei residenti di Piazzetta 28 Maggio 1977 e sino a Via 8 Marzo che hanno protestato per l’invasione, lungo la strada ed il marciapiede di migliaia di insetti.

Sono stati subito allertati i vigili urbani di San Marco Evangelista, i quali, a loro volta hanno avvisato sia il Sindaco Gabriele CICALA (che in quel momento era assente) che il vice sindaco, Domenico VAGLIVIELLO. Quest’ultimo ha subito disposto la chiusura della Piazzetta 28 Maggio 1977 ed ha disposto l’immediata disinfestazione di tutta l’area.