Maddaloni. Lo scempio di via Pioppolungo

Il brigante calatino, dopo una breve pausa, ha ricominciato a girare per la città. Si concentra principalmente sulle periferie e ieri ha scelto di recarsi a via Pioppolungo. E cosa ha trovato stavolta? In una strada dove tante sono le abitazioni e anche i campi coltivati, ha svelato uno scempio senza precedenti. Non è una discarica a cielo aperto come le altre che, ahinoi, non fanno quasi più notizia, perchè ci hanno fatto abituare a vedere rifiuti lungo le strade principali e/o secondarie. Qui c’è molto di più. Una carcassa di auto, tanti pneumatici e residui di fuochi d’artificio esplosi probabilmente a Capodanno; se così fosse vuol dire che da oltre 2 mesi da lì non è passato nessuno. Ancor più grave che, accanto a tutto questo, ai soliti wc, tv e tanto altro, spuntano cumuli di medicinali scaduti e cartelle cliniche abbandonate chissà da chi, in barba non solo alla tutela ambientale ma anche alla privacy.

Uno Struffolino sconvolto, indignato ed arrabbiato ci ha inviato le foto che vedete in basso ed invoca a gran voce l’intervento della magistratura, affinchè si metta fine a questo degrado.

“Una città col fiato sospeso da oltre 24 h in attesa di un tampone faringeo riesci ad indignarsi e ribellarsi a tutto questo? Di questo dovremmo aver paura, contro questo dovremmo combattere. L’orrore vive intorno a noi da anni, ma noi siamo indifferenti. E’ giunto il momento di dire basta!”

Ieri infine Struffolino si è recato presso il locale comando della Polizia Muncipale per denunciare la presenza di documenti e cartelle cliniche tra i rifiuti.