Modello Caserta Welfare – Ecco esercizi che hanno aderito all’invito del comune per servizio “Spesa Sospesa”

Nel contempo proseguono servizi consegna a domicilio e assistenza telefonica anziani

CASERTA – Già numerose attività commerciali hanno risposto all’invito del Comune per il servizio “Spesa Sospesa”, attivato nell’ambito del “Modello Welfare Caserta”, il piano di coordinamento delle iniziative di volontariato svolte sul territorio cittadino nato con l’obiettivo di rendere più organizzata, efficiente ed efficace l’assistenza alla cittadinanza, in un momento delicato a causa dell’emergenza coronavirus.

Spesa Sospesa prevede che gli esercizi aderenti lascino un carrello a disposizione dei propri clienti dove riporre e donare generi di prima necessità, poi ritirati dai volontari del comitato di Caserta della Croce Rossa Italiana e delle associazioni che partecipano a Modello Welfare Caserta per la distribuzione alle famiglie in difficoltà.
Gli esercizi aderenti, in continuo aggiornamento, sono:

Carrefour, via Cesare Battisti, 17

Pellicano, sede via Botticelli, 27
Pellicano, sede via Manzoni, 82

Sigma, sede piazza Generale Dalla Chiesa
Sigma, sede via Ruggiero, 122

Decò Briano, via Catauli, 10

Salumerenderia, C.so Trieste, 213.

Proseguono, contestualmente, anche le altre attività del Modello Welfare Caserta, definite ed aggiornate in sede di Centro Operativo Comunale. Il servizio di consegna a domicilio di generi alimentari, medicinali e di altri beni di prima necessità viene svolto nelle fasce orarie 9-12 e 16-18 dal lunedì al venerdì, il sabato 9-12, la domenica 9-12 solo per richieste urgenti di farmaci salvavita.

È rivolto agli anziani, disabili, cittadini in quarantena obbligatoria o volontaria, persone in assoluto stato di necessità. Le richieste devono essere effettuate via telefono al numero unico 0823/321000 e all’indirizzo mail [email protected]

Infine, nei giorni scorsi è partito il servizio di monitoraggio ed assistenza telefonica agli anziani, a cura di Cri e Agesci Zona Caserta, nato per verificare lo stato di salute fisica e psicologica di una delle fasce di popolazione più vulnerabili in questo momento ed anche per far sentire meno soli i cittadini con qualche anno in più.