NAPOLI. Palpeggia una ragazza e aggredisce i Carabinieri, arrestato 38enne

L'uomo portato nel carcere di Poggioreale

NAPOLI – Importunata, palpeggiata e derubata del cellulare. Vittima di attimi di violenza è stata una ragazza che si trovava in un bar di vico Candelora, nel Centro storico di Napoli. Ad aggredirla è stato un 38enne del Rione Traiano già noto alle forze dell’ordine che prima si è avvicinato alla ragazza e le ha chiesto una cartina per sigarette ma poi non avendola ottenuta – perché la giovane non ne era in possesso – ha iniziato ad importunarla e a palpeggiarla. Mentre la giovane si dirigeva nel locale per trovarvi rifugio, il 38enne la seguiva e le strappava di mano il telefonino lanciandolo lontano.

La ragazza riusciva ad entrare nel bar e a chiudere la porta, con l’aggressore che tentava di sfondarla. Poi, avuta percezione che stessero per arrivare i carabinieri, l’uomo si allontanava in direzione Largo Banchi Nuovi dove i militari dell’Arma lo hanno individuato. Quando gli si sono avvicinati per bloccarlo, il 38enne ha reagito lanciando prima alcune bottiglie di vetro con il collo rotto prese da un cassonetto e poi un vaso dell’arredo urbano. Infine l’uomo ha innescato una colluttazione a calci e pugni che ha causato ad un carabiniere escoriazioni e contusioni guaribili in 15 giorni. L’uomo è stato arrestato e portato nel carcere di Poggioreale.