NAPOLI POGGIOREALE. ENNESIMA AGGRESSIONE AI POLIZIOTTI PENITENZIARI

L’ OSAPP di Vincenzo PALMIERI e Luigi CASTALDO, rispettivamente segretario regionale e provinciale, ne denuncia l’accaduto. In riferimento alle notizie apprese parrebbe che, nella giornata di ieri 18 Maggio 2018 alle ore 11:00 circa, in concomitanza della celebrazione del 201° anniversario di fondazione del Corpo di Polizia Penitenziaria celebratasi nel penitenziario partenopeo, un detenuto di anni 50 ristretto presso il centro clinico presumibilmente con problemi di natura psichiatrica, ha aggredito un Poliziotto cola’ di servizio sferrandogli ripetuti pugni al volto, causandogli un trauma cranico con la pretesa di un servizio di assistenza sanitaria maggiormente efficiente per la tutela della sua salute; ebbene, è l’ennesima volta che l’OSAPP denuncia agli organi competenti l’inadeguatezza della gestione delle carceri in quanto un corpo di Polizia dello Stato ovunque dovrebbe essere tranne che all’interno dei reparti detentivi ove invece occorrerebbero più medici, più infermieri, più psicologi, più psichiatri, più assistenti sociali, più funzionari giuridico pedagogici e mediatori culturali etc….

“Tutti i giorni siamo alle prese con eventi critici che compromettono la sicurezza del sistema e tutto ciò che è in esso, escalation di aggressioni e umiliazioni all’indirizzo degli uomini e delle donne della Polizia Penitenziaria sono all’ordine del giorno” – dichiarano gli stessi Segretari – “Come OSAPP non arretreremo di un centimetro nel denunciare sempre attraverso gli organi di stampa all’indirizzo dei vertici centrali le difficoltà operative in cui versano i colleghi e siamo orgogliosi di essere ciò che siamo” – infine concludono – “ma non accettiamo di lavorare in queste condizioni e che i cittadini continuino a pagare un sistema che da tempo non funziona come dovrebbe”.