Oltre la paura della morte: il sacrifico di Salvatore Nuvoletta

Prosegue il quotidiano appuntamento con le lettere dell’onorevole Antonio Del Monaco, che questa volta dedica il suo pensiero ed il ricordo al carabiniere di Marano Salvatore Nuvoletta

 

Il 2 luglio del 1982 a Marano, un giovane carabiniere era seduto davanti al negozio di famiglia, con un bambino sulle ginocchia. Sembrava un giorno tranquillo, spensierato, ma qualcosa stava per succedere. Qualcuno grida “Salvatore!”, e il giovane carabiniere, sentitosi chiamare, intuisce il pericolo immediato, sposta prontamente il bambino e avviene l’agguato camorristico: una serie di pallottole esplodenti massacrano barbaramente il suo corpo. Salvatore Nuvoletta muore.
La motivazione di quell’omicidio fu a lungo sconosciuta, fino a quando le confessioni del pentito Carmine Schiavone dissiparono le nubi e i dubbi: Salvatore Nuvoletta fu ucciso per vendicare la morte di Mario Schiavone, camorrista, colpito a morte un mese prima durante un conflitto a fuoco con i Carabinieri della stazione di Casal di Principe. Fu dunque una ritorsione camorristica capeggiata da Antonio Bardellino per mano del clan Nuvoletta.
Salvatore, però, fu semplicemente un capro espiatorio perché quel giorno di giugno egli non era in servizio e quindi completamente estraneo ai fatti che portarono alla morte di Mario Schiavone. Dunque perché? Le confessioni di Carmine Schiavone aggiunsero un dettaglio alla faccenda: la madre di Mario volle che la sua sofferenza per la perdita del figlio fosse patita anche da un’altra madre, quella di un carabiniere appunto. Fu un ordine. E fu Francesco, detto Sandokan, cugino di Mario, che portò a termine la sentenza di morte.
Salvatore era un uomo di Stato, un carabiniere integerrimo, ligio al dovere, convinto della sua missione, fiero della divisa che indossava fin da giovanissimo: era stato minacciato più volte perché dava fastidio, perché non era un venduto, un traditore dello Stato; perché non scendeva a compromessi con i criminali bensì dava loro filo da torcere: non si sarebbe mai arreso al “purtroppo è così che vanno qui le cose, non farci caso”, come molti invece fanno. La madre di Salvatore, preoccupata per il figlio, lo pregò di allontanarsi per qualche tempo da quelle zone, nell’attesa che si calmassero le acque; ma Salvatore, pur conscio del pericolo, decise di restare lì perché era un Carabiniere e aveva un dovere anzitutto verso sé stesso… scappare non era da lui. Fu trucidato dopo qualche giorno.
Il fratello, anch’esso carabiniere, saputo dell’accaduto, si recò sul posto ma il corpo di Salvatore era già stato portato via: di lui rimanevano tracce di sangue ovunque e brandelli di carne finiti addirittura su un balcone nell’esplosione dei proiettili della Magnum. Una scena orribile, impressa nella mente del fratello.
Una medaglia d’oro al valore ricorda il sacrificio di Salvatore Nuvoletta, che, come tanti altri uomini in divisa, non si tirò indietro, scegliendo la strada del coraggio, del bene e della verità.

On. Antonio DEL MONACO