Panico al pronto soccorso

Scene da Far West al pronto soccorso. È quanto hanno dovuto assistere gli astanti e il personale sanitario del pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria dell’Olmo di Cava dei Tirreni in provincia di Salerno.

Gli attori di quella che può sembrare la scena di uno dei migliori film di Sergio Leone sono padre e figlio. Uno dipendente della stessa azienda ospedaliera universitaria Ospedali Riuniti San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di cui il Santa Maria dell’Olmo fa parte, l’altro, il figlio, infermiere del 118.

I due cercano di eludere la fila cercando di convincere il medico di turno che, però, rifiuta. È qui che nasce un diverbio che, con il passare dei minuti assume toni sempre più accesi fino a degenerare con l’arrivo del padre del medico, probabilmente avvisato dall’interessato. La situazione sembrava essersi lenita quando nel piazzale del Santa Maria dell’Olmo ne scaturisce un nuovo alterco che culmina con l’estrazione di una pistola, da parte del genitore del medico di turno che punta verso le gambe del figlio dell’ottantenne esplodendo un colpo che lo ferisce.

In difesa del padre gambizzato interviene il figlio, nipote dell’anziano e infermiere del 118, che si scaglia contro il responsabile del gesto. Da qui parte una nuova colluttazione in cui viene esploso un secondo colpo che, stavolta, attinge a un fianco proprio il papà del medico.

I due feriti sono stati soccorsi e operati per estrarre i due proiettili mentre sono in corso le indagini per chiarire l’esatta dinamica dei fatti da parte dei Carabinieri del Comando Tenenza Cava dei Tirreni e dagli agenti del locale commissariato di Polizia di Stato.

A seguito di questo spiacevole accaduto, l’azienda ospedaliera universitaria Ospedali Riuniti San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona, ha emanato il seguente comunicato stampa:

In riferimento all’episodio occorso nel pomeriggio di oggi presso il Presidio Ospedaliero Santa Maria dell’Olmo di Cava de’ Tirreni, l’azienda ospedaliera universitaria San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno attende l’esito delle indagini in corso da parte dell’Autorità Giudiziaria, precisando che la Direzione Commissariale ha prontamente attivato il servizio ispettivo aziendale”.