PESSIMA ORGANIZZAZIONE ALLA REGGIA DI CASERTA PER LA NOTTE DI SAN LORENZO, MOLTI TURISTI RIMASTI FUORI

Turisti imbufaliti per la mancata entrata nel complesso vanvitelliano

CASERTA. La Reggia di Caserta con il suo fantastico giardino, che non ha bisogno di presentazioni, per la notte di San Lorenzo ha offerto l’entrata ad appena un euro, si avete capito bene un euro!!! File chilometriche all’ingresso, però molti turisti curiosi che volevano passare questo sabato della settimana dove molti vanno in vacanza nella splendida cornice del monumento Vanvitelliano, sono dovuti ritornare sui propri passi. Biglietteria introno alle 10.30 chiusa, tutto esaurito, sold out, abbiamo raccolto qualche dichiarazione da parte di turisti che delusi per aver fatto anche due ore di treno, hanno dovuto rinunciare e tornare indietro.

Il piano B per far fronte a questa organizzazione non brillante c’ è, o c’era, ossia mettersi e sdraiarsi in Piazza Carlo III magari con una birra o bevanda fresca e una sigaretta su un telo da mare, aspettando la caduta della fatidica stella per esprimere il desiderio da far avverare.

La gestione Maffei, post Felicori che raccoglie l’eredità pesante appunto del manager bolognese che aveva auentato in misura esponenziale i numeri del principale monumento della città capoluogo, inizia dunque con qualche lacuna organizzativa e le immancabili polemiche anche se per onor di cronaca, l’enorme o abnorme afflusso di persone ha creato dei problemi fisiologici, ma la cosa poteva esser gestita meglio dando a tutti la possbilità di una notte sotto le stelle all’interno del parco, come peraltro annunciato per la serata del 10 Agosto invitando e promuovendo una speciale visita o giornata alla Reggia.