PROVINCIALI. Cimmino: “Pd alternativa ad un centrodestra fallimentare”

CASERTA – Di seguito pubblichiamo la nota stampa del segretario provinciale del Pd, Emiddio Cimmino.

“Stamattina, presso la nuova sede (Caserta – Piazza Giacomo Matteotti n. 20) del
Coordinamento provinciale di Caserta del Partito Democratico, con Gianfranco
Piccirillo – delegato agli enti locali, ho presentato la nostra lista (I DEMOCRATICI PER CASERTA – lista N. 1), di candidati al consiglio provinciale per il rinnovo dello
stesso del 3 ottobre 2019, che elenco qui di seguito:
Andrea Boccagna –Angelo Campolattano –Mariangela Capraro –Maria Antonella Cifone –Rosa Ferraiuolo –Giuseppe Moretta –Joseph Di Rubba –Elisa Di Salvo – Amalia Iannone –Alessandro Landolfi –Giovanni Giuseppe Leardi –Salvatore Lettera –Carlo Russo –Massimo Schiavone -Pasqualina Tagliafierro.

Ho ringraziato, di cuore, coloro che hanno lavorato alla composizione delle originarie due liste, e non ho mancato di chiedere scusa ai candidati della lista ricusata che si erano resi disponibili ad impegnare il proprio tempo per favorire un campo largo e coerente, alternativo al centrodestra del presidente Magliocca e della Lega. Un centrodestra che governa la provincia da anni e i risultati sono sotto gli occhi di tutti, per questo c’è bisogno di un cambio non solo di passo ma di una governance rivelatasi
fallimentare: le scuole, la viabilità, l’assenza di investimenti e di progetti per una provincia che resta, stabilmente, nelle ultime posizioni nella classifica degli indici di vivibilità.

Durante la conferenza stampa, hanno chiesto di incontrarci i ragazzi del CSA – ex Canapificio (ai quali abbiamo spalancato le nostre porte). Hanno posto alla nostra attenzione la mancanza della sede e il blocco dei fondi, spiegando che per loro sarà molto difficile, in assenza di questi due ineludibili requisiti, continuare un lavoro necessario per rispondere alle istanze dei più deboli, degli sfruttati e degli esclusi, e pur non arrendendosi, hanno richiesto la nostra solidarietà e la condivisione dell’impegno per una soluzione, intanto, anche temporanea.

Naturalmente, gli abbiamo ribadito che possono contare su di noi per quello che possiamo, e che solleciteremo, con garbo ma fortemente, le istituzioni locali affinchè rispondano concretamente al grido d’aiuto di chi fa un grande lavoro per gli esclusi ma anche per le aziende, i piccoli produttori agricoli locali, i proprietari di case, i 40
operatori e mediatori e le loro famiglie. Aggiungo, mi impegno ad affrontare il tema, nel più breve tempo possibile con: il nostro caro amico Sindaco di Caserta, Carlo Marino, i consiglieri regionali, Stefano Graziano e Gennaro Oliviero e la presidente Camilla Sgambato, auspicando e augurandoci, un’idonea soluzione.

C’è davvero tanto da fare in questa provincia: il Partito Democratico sia parte attiva di
questo impegno e di questa passione civica, è un dovere morale per cancellare disagi ed esclusioni, soprattutto, per creare condizioni che favoriscano la costruzione di un
futuro certo per tutti.

Il Partito Democratico è il progetto più solido per servire il Paese, è la casa dei riformismi e dei democratici, su di esso pesa lo sforzo dei cambiamenti, per questo è necessario, proprio ora, più unità e più coesione”.