PSI Federazione Caserta : al secondo posto come numero di iscritti in Campania, il 60% giovani e donne

Raffaele Piazza parla di Bettino Craxi in occasione dei venti anni dalla morte dello Statista

Caserta. Il  PSI Regionale ad una svolta importante anche sulla base del  calcolo dei nuovi iscritti:  con oltre  20.000 tessere di iscrizione rilasciate a livello Nazionale,il partito di Enzo Maraio, che ha Michele Tarantino come Segretario Regionale, ha superato il numero raggiunto l’ anno scorso.

Sia per il Consiglio Regionale che nelle varie città dove ci sarà il rinnovo del Consiglio Comunale con il proporzionale il partito sta lavorando per presentare liste autonome con il proprio  simbolo, che come è noto, proprio il 23 Novembre ha visto ufficialmente il reinserimento all’interno di esso del Garofano Rosso.

Eccellente il risultato anche in Provincia di Caserta dove , grazie all’ ottimo lavoro svolto sul territorio dai 5 Coordinatori Provinciali, il PSI ha aumentato di circa il 40% il numero dei tesserati rispetto al 2018. Un altro dato importante è che il 60%  dei tesserati in provincia di Caserta risulta essere composto da donne e da giovani.

Caserta , con il numero di iscritti raggiunto, si colloca come la seconda città’ in Campania, subito dopo Salerno e prima di Napoli. Se teniamo conto del fatto che la Campania risulta essere la regione italiana con più’ iscritti al partito , allora possiamo affermare che Caserta , subito dopo Salerno, risulta essere la provincia d’ italia con più’ iscritti nell’ intero Paese.

Fino ad oggi i cinque coordinatori Provinciali,Carmen CipolloneGianfranco CorvinoAntonio FredaRaffaele Piazza e Espedito Ziello, hanno svolto  un lavoro inclusivo e soprattutto di  costante presenza sui territori. Numerosi, infatti,  sono gli incontri organizzati fino ad oggi  e altri sono in cantiere nei prossimi mesi.

Abbiamo accettato questa sfida con entusiasmoha affermato Espedito Ziello- sappiamo di rappresentare un Partito con una storia da onorare in ogni azione che metteremo in campo sul territorio.  Vogliamo essere inclusivi e convincere i compagni ,che negli ultimi anni, per vari motivi si sono allontanati dal partito, a ritornare ad esserne parte attiva.  Siamo aperti ad ogni tipo di dialogo con tutti , fermo restando che le associazioni  che dichiarano ideali socialisti restano associazioni .Con loro siamo disposti a interloquire ma senza mai perdere d’ occhio che noi siamo e restiamo un Partito con la sua storia e i suoi progetti”. 

Nei prossimi giorni,  a coronare il lavoro svolto e la fedeltà del Psi all’amministrazione comunale di Caserta,  tramite il Consigliere Comunale Gianluca Iannucci, dovrebbe arrivare la nomina di Assessore a Raffaele Piazza. Un nuovo tassello che si va ad aggiungere a quei piccoli, ma importanti traguardi, già ottenuti.

Il 2020, dunque, si pone come  un anno importante per il Partito Socialista , anche alla luce delle celebrazioni del  ventennale della morte di Bettino Craxi, venuto a mancare ad Hammamet il 19 Gennaio 2000. A tal proposito abbiamo ascoltato proprio Raffaele Piazza : “Il ventennale della morte di Bettino Craxi– ha dichiarato Piazza– è un’ occasione per ricordare il Socialista che ha rinnovato il Psi ricevuto da Nenni e de Martino, traghettandolo da una prospettiva di semplice  forza di governo, che,negli Anni sessanta, garantiva stabilita’ alle alleanze di centro-sinistra, ad una piu’ ampia ed articolata dimensione  di partito attraverso il quale Craxi, come Capo del Governo,  attuò  una  politica innovatrice sia nella politica interna, che in quella europea ed internazionale”.

Il ricordo di Bettino Craxi   è quello dello Statista  che ha superato lo schema del fronte di sinistra per condurre l’Italia nel secondo boom economico degli anni ottanta . L’accanimento di cui è stato vittima negli ultimi anni di vita è la cartina di tornasole per dimostrare alle nuove generazioni che è facile passare dalla folla osannante a quella insultante quando si è lasciati soli sia da pavidi ex sodali e sia da chi pensò di poter salvare se stesso puntando il dito contro l’ex leader .
La storia è sempre garantistamette nell’oblio i pavidi ed i vigliacchi e preserva per sempre gli Statisti”.
Bettino Craxi il Socialista e lo Statista