Regionali 2020. Ciarambino attacca il sistema De Luca e tutto il centrosinistra

La leader del M5s chiude le porte ad un possibile accordo con il Pd come in Umbria

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, da oggi potrà dormire sogni di gran lunga più tranquilli. La vittoria schiacciante del centrodestra alle regionali in Umbria ed il consequenziale disastro dell’asse Pd-M5s pongono la parola fine sul possibile accordo tra i pentastellati e i Dem alle elezioni regionali che si terranno il prossimo anno in Campania.

A confermarlo le inequivocabili dichiarazioni di Valeria Ciarambino, presidente della commissione Trasparenza e leader del M5s in consiglio regionale.

“Il patto civico per le regionali in Umbria è stato un esperimento rispetto al quale oggi ne usciamo con una consapevolezza in più. Ovvero che, in quanto forza post-ideologica, siamo e restiamo l’unica alternativa ai due poli – ha affermato la Ciarambinoesperimento che, come andiamo dicendo da tempo, a prescindere dall’esito di questo e di altre esperienze elettorali, difficilmente si sarebbe potuto replicare in una regione come la Campania, dove il Partito democratico resta appiattito sulle posizioni di Vincenzo De Luca, il nemico numero uno della nostra terra. Una posizione che calpesta la base stessa del Pd, che si aspettava un cambiamento radicale da un sistema fondato sul clan dei salernitani, dei Franco Alfieri con le sue fritture di pesce, delle nomine clientelari, degli ospedali che cadono a pezzi e dei treni carichi di turisti che prendono fuoco. Un sistema che ha affossato una delle regioni con i peggiori indici di vivibilità d’Europa”. 

Fine dei sogni Zingarettiani, dunque, che avrebbero voluto in Campania un accordo con i 5 stelle sul candidato presidente (sono circolati negli ultimi mesi su tutti i nomi del magistrato Raffaele Cantone e del ministro Sergio Costa).

Agli esponenti del Pd campano che avrebbero voluto un accordo Pd-5 stelle, non resta che leccare le ferite e cedere il passo al presidente De Luca. Su tutti l’onorevole Camilla Sgambato, responsabile scuola della segreteria nazionale del Partito Democratico, che come noto più volte ha cercato di scardinare il sistema De Luca.