Rientro a scuola 2021. Quali saranno le modalità?

A gennaio il rientro a scuola in Campania sarà graduale, i timori sono sempre connessi alla questione del distanziamento.

Varie sono le ipotesi sulle modalitá di rientro. Chi parla di un avvio a mezzo Dad rivolta a tutti, chi suppone che si suddivideranno le classi e se ne scaglionerà il rientro.

Due ipotesi si sono formate sulla base dei dubbi, la prima prevede che il 7 gennaio tornano solo infanzia e le prime due classi della primaria, proprio come a dicembre; dall’11 gennaio tutte le cinque classi della primaria; dal 18 gennaio tutte le tre classi della secondaria di primo grado; dal 25 gennaio il 50 per cento delle cinque classi della secondaria di secondo grado oppure iniziare gradualmente con il 50 per cento delle prime tre classi, per poi aggiungere nelle settimane successive le altre due classi.

Un’altro scenario ipotizzabile prevede, invece, di riproporre la presenza di infanzia e prime due classi della primaria come a dicembre e valutare di settimana in settimana l’aggiunta di altre classi e ordini scolastici, in funzione dell’andamento della curva.

La chiusura delle scuole, come misura per limitare i contagi da SarsCov2, deve essere usata come ultima risorsa e per un tempo limitato, dato che l’impatto negativo a livello di salute fisica, mentale ed educativa, oltre che economica, supera i benefici. A dirlo è il Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc), in un rapporto pubblicato sul suo sito, che però non considera l’impatto della variante inglese, su cui non si hanno ancora dati disponibili.