RITARDI NEGLI ESITI DEL ‘CONCORSONE’ IN CAMPANIA, CORREZIONI IN ALTO MARE

Caos correzioni strani ed inspiegabili ritardi

Il concorso che si è tenuto alla Mostra di Oltre mare di Napoli, tenutosi un paio di mesi fa è che ha visto partecipare migliaia di persone è ancora in ‘alto mare’ per quel che concerne le correzioni, gli esiti degli elaborati o compiti che dir si voglia. I candidati in possesso di diploma, che hanno sostenuto le prove preselettive dal 2 al 24 settembre alla Mostra d’Oltremare, dovranno attendere ancora l’esito dei test. Era prevista per la giornata di ieri la pubblicazione dei risultati sul sito del Formez. Ma l’attesa si è rivelata vana, fino alla tarda serata.

Su questo ritardo nella pubblicazione degli esiti è intervenuto anche il consigliere regionale F. Borrelli così “Siamo stupefatti dalla mancata pubblicazione degli esiti delle prove preselettive dei profili per diplomati del concorso indetto dalla Regione Campania. Non comprendiamo quali motivi ostativi impediscano al Formez di rendere noti i risultati a undici giorni dalla conclusione delle correzioni dei test, -proseguea ancora il consigliere- ….. qualora la pubblicazione dovesse slittare ancora, il Formez farebbe bene ad informare i candidati e la Regione Campania circa i motivi dei ritardi’.

Per quel che concerne le correzioni giova ricordare che gli stessi sono a lettura ottica, pertanto, le valutazioni tramite computer non sono particolarmente difficili, tuttavia sono oltre due mesi che ancora non si nulla… clima di incertezza e anche di rabbia per i numerosi concorrenti che dunque si sono ‘sorbiti’ una trasferta ed hanno fatto una giornata vicino lo Stadio San Paolo di Napoli e che dopo le attese delle file continuano ad aspettare anche gli esiti.

Alcuni starebbero valutando l’ipotesi di presentare dei ricorsi in sede giudiziaria per veder tutelare i propri interessi, nei giorni scorsi dunque alcuni professionisti si sarebbero attivati per sapere come mai ci sono questi problemi e queste lungaggini, ecco quanto affermato da un avvocato napoletano  “Abbiamo fatto l’accesso agli atti – dichiara l’avvocato Francesco Leone – aspettiamo di leggere le carte, ma dai racconti dei candidati, oggettivamente, pensiamo ci siano gli estremi per far partire i ricorsi”. L’attenzione si concentra su alcune modalità di svolgimento del concorso. A insospettire alcuni candidati, la presenza di presunti errori di punteggio nelle graduatorie, ma anche nella formulazione delle domande. E poi la percentuale di idonei, con sbalzi considerevoli, da un giorno all’altro. Al punto da far supporre un differente livello di difficoltà, nelle batterie di quiz. I legali ipotizzano anche una violazione dell’anonimato dei candidati. Infatti, i fogli con le risposte sarebbero stati consegnati separatamente da quelli della anagrafica, con la sola apposizione del codice a barre.

File interminabili attese il giorno delle prove ed ora lungaggini burocratiche intoppi o cos’altro in quest’ attesa quanto meno strana anche se sembra che la regione Campania si stia attivando per fare una procedura d’infrazione alla FORMEZ che ha ‘curato’ l’elaborazione dei vari compiti, e che si starebbe occupando della correzione.

Per color che superano la prova pre-selettiva dell’area D nel mese di gennaio ci dovrebbe essere il secondo step, ossia la seconda fase che dovrebbe poi terminare con la successiva ed auspicata assunzione a seguito dei tanti posti messi a disposizione.