S.M.C.VETERE. L’ASC apre ad Aversa e Capua, per offrire servizi a cittadini a 360°

L'Associazione Servizi al Cittadino diventa sempre più una realtà sul territorio casertano e si fa portavoce di problemi sociali che attanagliano la cittadinanza.

S.M.C.VETERE – Si è svolta lunedì, 11 marzo 2019, presso la sede ASC di Santa Maria Capua Vetere, l’inaugurazione delle nuove sedi ASC di Capua-Pastorano e Aversa, che si vanno ad aggiungere alle già consolidate sedi di Caserta, San Nicola la Strada e la stessa Santa Maria Capua Vetere. La sede di Pastorano, oltre ai vari servizi Caf Patronato ecc., è specializzata in servizi per gli stranieri tra cui erogazione di prestito, grazie alla convenzione con una banca milanese.

La sede di Pastorano invece, include i servizi legali, contabile, assicurativa, estendendo le proprie competenze anche nelle scuole, con l’offerta formativa in sede. Un lavoro di equipe profuso con impegno a reti unificate di cui tutti i gruppi lavoro ne faranno parte. Il presidente Giordano Lauri ringrazia i responsabili delle sedi: “Voglio ringraziare chi sta lavorando sul territorio facendo della nostra associazione una grande famiglia su cui contare e con cui fare rete. Siamo presenti nei vari comuni con i nostri servizi al cittadino a 360 gradi.

Ringrazio dunque le nuove arrivate: l’avv. Lucia Guardascione e alla signora Consiglia Merenda, responsabili rispettivamente di Pastorano ed Aversa. Grazie inoltre: l’avv. Rosalba Annamaria Di Sette responsabile sede di Santa Maria Capua Vetere che ha ospitato la riunione a sedi unificate; il Presidente Nazionale SDM Sabino De Micco, la giornalista Laura Ferrante responsabile comunicazioni e stampa ASC. Grazie alla Dottoressa Roberta Asciuti responsabile Caf e Patronato. Grazie al Geometra Mimmo Vagliviello segretario provinciale FEDERCASA.

L’Associazione Servizi al Cittadino diventa sempre più una realtà sul territorio casertano e si fa portavoce di problemi sociali che attanagliano la cittadinanza. Auguro, come Presidente ASC, buon lavoro a tutte le sedi”.