S.Nicola la Strada – De Matteis (M5S), “Entro il 24 gennaio richieste contributo per adeguamento normativa antincendio”

Il Portavoce pentastellato in Consiglio comunale ha fatto sapere che anche il comune sannicolese, a partire dal 24 gennaio 2020 e sino al 27 febbraio 2020, può presentare richiesta di contributo per l’adeguamento alla normativa antincendio delle scuole

SAN NICOLA LA STRADA – Il Portavoce in Consiglio comunale del Movimento 5 Stelle di San Nicola la Strada, Federico DE MATTEIS, ha portato a conoscenza che sul sito del Ministero dell’Istruzione è stato pubblicato un Avviso Pubblico perché i comuni possano richiedere contributi economici che variano da 70.000 e sino a 100.000 euro al fine di ottenere il nulla osta per l’adeguamento alla normativa antincendio per gli istituti scolastici cittadini.

Ecco, di seguito, quanto pubblicato dal Consigliere comunale pentastellato De Matteis: “Continuano le “buone notizie”, questa volta riguardano gli edifici scolastici che si adeguano alla #NormativaAntincendio. Il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato un “Avviso Pubblico per la concessione di contributi in favore di Enti Locali per l’adeguamento alla normativa antincendio degli edifici pubblici adibiti ad uso scolastico”, stanziando 98 milioni di euro.

I Comuni potranno presentare le proprie candidature sul #portale del Ministero dell’Istruzione dalle ore 10.00 del 24 gennaio 2020 fino alle ore 15.00 del 27 febbraio 2020; i comuni potranno ottenere, per le scuole del primo ciclo, un contributo massimo di 70.000 euro, mentre, per le scuole di secondo grado fino a 100.000 euro. La selezione delle candidature avverrà sulla base di criteri precisi: – vetustà degli edifici; – numero di studenti presenti nell’edificio scolastico; – livello di adeguamento alla normativa antincendio che si intende conseguire con il contributo richiesto; – edificio rientrante nella programmazione regionale sull’adeguamento alla normativa antincendio; – intervento in attesa di finanziamento nell’ambito delle graduatorie di cui al DM n.101 del 2019; – eventuale quota di cofinanziamento.

Viste e considerate le condizioni in cui versano gli edifici scolastici della nostra città, auspichiamo che l’amministrazione colga al volo l’occasione ma, soprattutto, che non si riduca all’ultimo minuto nell’inserimento dei dati al fine di evitare un sovraccarico della rete che impedisca di inoltrare la candidatura nei tempi previsti”.