SAN NICOLA LA STRADA. Approvata la graduatoria per l’aiuto al canone di locazione, ammessi 66 nuclei familiari

Per errori sostanziali ma recuperabili sono state esclusi 42 nuclei familiari

SAN NICOLA LA STRADA – Sono 66 i nuclei familiari, residenti in San Nicola la Strada, che risultano ammessi ai benefici di cui alla legge nr. 431/98 per il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione (relativo all’anno 2015!), mentre sono 42 i nuclei familiari che sono stati esclusi dal predetto beneficio, sempre relativo all’anno 2015. Si tratta di un contributo che viene erogato a persone che si trovano in una situazione economica difficile e che, pertanto, costituisce una forma di sussidio che renderebbe meno complicata la vita di un buon numero di cittadini.

Le motivazioni dell’esclusione sono le più disparate: si va dalla DSU non sottoscritta, dall’aver presentata la domanda fuori termine, dal non essere residenti in San Nicola, dall’essere proprietari di altri fabbricati, dalla certificazione ISEE incompleta, per incidenza inferiore al 24%, perché mancano della dichiarazione di sostentamento, della residenza storica, del contratto di locazione e per mancanza dell’F23 e F24. È quanto si evince dalla “Graduatoria Provvisoria” pubblicata sul sito del comune sannicolese.

Finalmente uno spiraglio per le tante famiglie di San Nicola la Strada che incontrano difficoltà nel corrispondere i canoni di locazione ai relativi proprietari e che debbono ancora percepire i contributi integrativi, relativi al 2015, ma siamo ancora lontani da tutte quelle famiglie che debbono pagare il canone di affitto ogni mese e si trovano, loro malgrado, a non poter onorare questo impegno per una serie di problematiche, in primis l’aver perduto il proprio lavoro, l’essere separati o divorziati, l’essere in cassa integrazione. Insomma, sono sempre decine e decine i nuclei familiari che si trovano in gravi situazioni economico-finanziarie ed il Comune, che è l’ultimo anello della catena, si trova in grandissima difficoltà a rispondere a tutti questi cittadini a fronte di una Regione che non sempre si adegua puntualmente a quanto stabilito dalla Legge.

Infatti, già ad ottobre del 2018 il Movimento 5 Stelle di San Nicola la strada aveva diffuso un comunicato stampa con il quale denunciava che a partire dal 2014, nessun cittadino sannicolese avente diritto e presente nella graduatoria specifica avesse percepito la somma spettante. “Ci siamo quindi fatti portavoce di questi fatti” – avevano affermato – “protocollando, il primo ottobre 2018, un’interpellanza all’amministrazione Marotta chiedendo in che modo intenda porre fine all’incresciosa situazione che si è protratta anche per gli anni successivi, discriminando nei fatti i cittadini sannicolesi rispetto a quelli dei comuni limitrofi che, invece, hanno già potuto godere di tale sussidio”.