SAN NICOLA LA STRADA. Da Equitalia all’Agenzia delle Entrate-Riscossione, comune affida il ruolo coattivo della TIA e dell’ICI

NUNZIO DE PINTO

Da Equitalia all’Agenzia delle Entrate-Riscossione, comune affida il ruolo coattivo della TIA e dell’ICI

SAN NICOLA LA STRADA – Dal 1° luglio 2017, con l’art. 1 del Dl nr. 193 del 2016 il Governo ha previsto lo scioglimento delle società del Gruppo Equitalia e l’attribuzione dell’esercizio delle funzioni relative alla riscossione nazionale all’Agenzia delle Entrate ed in particolare all’ente pubblico economico, ente strumentale dell’Agenzia delle entrate, denominato “Agenzia delle entrate-Riscossione”. L’art. 2 del Dl nr. 193 del 2016, così come sostituito dall’art. 35 del Dl n. 50 del 2017, dispone al comma 2 che “A decorrere dal 1° luglio 2017, le amministrazioni locali di cui all’articolo 1, comma 3, possono deliberare di affidare al soggetto preposto alla riscossione nazionale le attività di riscossione, spontanea e coattiva, delle entrate tributarie o patrimoniali proprie e, fermo restando quanto previsto dall’articolo 17, commi 3-bis e 3-ter, del decreto legislativo 26 febbraio 1999, nr. 46, delle società da esse partecipate”. Con la nuova normativa attualmente vigente, in base alle disposizioni normative sopra richiamate il Comune a decorrere dal 1° luglio 2017 potrà usare per riscuotere coattivamente il ruolo di cui al Dpr nr. 602 del 1973 solo previa adozione della delibera. Il nuovo Ente così creato dal Governo Italiano (Agenzia delle Entrate-Riscossione) ha carattere interamente pubblico ed ha, oltre ai poteri già propri di Equitalia, come in particolare la formazione del ruolo, anche nuovi poteri informativi, nonché altre capacità che possono definirsi in ampio senso “investigative”, tali da migliorare e rendere più efficace la riscossione, potendo infatti utilizzare le informazioni che provengono dalle banche dati sia dell’Agenzia dell’Entrate sia di altri Enti a cui la stessa Agenzia accede direttamente, come ad esempio la banca dati dell’istituto nazionale della previdenza sociale. Tale nuovo ed unico soggetto della riscossione ha tutte le caratteristiche necessarie per eseguire al meglio l’attività coattiva, sia per l’aspetto prettamente tecnico delle competenze e degli strumenti specifici a sua disposizione sia per l’approccio con il contribuente che deve essere per legge espressamente improntato ai principi di cui sopra, in modo da garantire il perseguimento delle finalità pubbliche di giustizia e d’equità. Il Comune di San Nicola la Strada si è avvalso ,fino alle recenti modifiche legislative, della riscossione coattiva a mezzo Equitalia spa ed ora, al fine di scongiurare danno all’Ente, ritiene necessario affidare la riscossione coattiva a Agenzia Entrata Riscossione. Pertanto, l’Esecutivo cittadino ha deciso di approvare la deliberazione nr. 104 del 30 novembre 2017 ed affidare l’attività di riscossione coattiva all’Agenzia delle Entrate così come previsto dall’art. 2 del decreto legge n. 193 del 22 ottobre 2016 e disciplinato dal vigente regolamento comunale per i tributi TIA ed ICI.