SAN NICOLA LA STRADA. Ordinanza di sgombero del terreno comunale dato in comodato d’uso per l’iniziativa “Orto degli Amici”

Con Ordinanza comunale nr. 9 del 6 marzo 2019, il Sindaco Vito Marotta ha ordinato a tutti gli utilizzatori dei terreni facenti parte dell’Orto degli Amici il “divieto” di uso a scopo agricolo e/o ad uso verde pubblico. Altresì, ha ordinato lo “sgombero ad horas” del terreno di proprietà comunale ai fini della tutela possessoria del terreno ed alla cessazione delle attività ivi condotte, lasciando libera l’area da attrezzi e manufatti vari.

SAN NICOLA LA STRADA – Il sequestro di 12 pozzi (molti dei quali insistenti sul territorio di San Nicola la Strada) da parte della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere che, in data 7.2.2019 ha emesso un decreto d’urgenza (convalidato dal G.I.P. in data 8.2.2019), con il quale sono stati sequestrati dodici pozzi utilizzati per uso domestico e fertirrigazione, su cui è stata riscontrata una severa contaminazione da metalli pesanti, in primis dell’Arsenico, sostanza nota per la sua elevata tossicità, con valori che in un pozzo sono giunti a superare di 850 volte i valori previsti, ERA GIÀ NOTA a decorrere dal giugno del 2010 quando l’allora Sindaco pro-tempore Angelo Antonio Pascariello, facendo seguito alla nota dell’ARPAC trasmessa dalla Provincia e dalla Prefettura relativa agli esiti delle analisi effettuate sui campioni delle acque sotterranee prelevati dai pozzi ubicati nell’area ex Saint Gobain, che eccedono i limiti di legge per quanto riguarda la concentrazione di arsenico e di metalli tossici, con grave pericolo per la salute pubblica, aveva vietato, con apposita Ordinanza Sindacale l’uso dell’acqua emunta dai pozzi siti nell’area ex Saint Gobain e zone limitrofe per uso irriguo e per qualsiasi altro uso, a salvaguardia della salute pubblica.

Sembrava che zona fosse stata circoscritta ma, negli ultimi giorni, l’area si è allargata ed ha interessato l’area di proprietà comunale dato in uso dall’Ente municipale ad alcuni cittadini sannicolesi in comodato d’uso nell’ambito dell’iniziativa sociale denominata “ORTO DEGLI AMICI”, al fine della coltivazione ortiva e/o floreale esclusivamente per autoconsumo. Infatti, con Ordinanza comunale nr. 9 del 6 marzo 2019, il Sindaco Vito Marotta ha ordinato a tutti gli utilizzatori dei terreni facenti parte dell’Orto degli Amici il “divieto” di uso a scopo agricolo e/o ad uso verde pubblico. Altresì, ha ordinato lo “sgombero ad horas” del terreno di proprietà comunale ai fini della tutela possessoria del terreno ed alla cessazione delle attività ivi condotte, lasciando libera l’area da attrezzi e manufatti vari e che, quindi, deve intendersi cessata ogni attività di coltivazione del terreno in questione.

Tutto ciò scaturisce dalla nota del Comando Regione Carabinieri Forestale della Campania, acquisita al comune in data 21 settembre 2018 (prot. nr. 17817), nell’ambito delle disposizioni della Legge nr. 6 del 6 febbraio 2014. Allegata alla suddetta nota risulta il Rapporto di prova nr. 15996/2017 emesso dal Laboratorio Regionale Siti Contaminati dell’Agenzia Regionale Protezione Ambientale Campania (ARPAC), dal quale si evince che le analisi effettuate sul predetto terreno comunale hanno rilavato il superamento della Concentrazione Soglia di Contaminazione (CSC) per il parametro 3 (Berillio) e per il parametro Sommatoria PCB per i siti ad uso verde pubblico, privato e residenziale per i terreni predetti. Di fronte allo sforamento dei dati previsti dalla normativa è apparso necessario, urgente ed indifferibile procedere alla cessazione delle attività sin qui condotte dagli utilizzatori del terreno, al divieto dell’uso dell’acqua a scopo agricolo e/o ad uso verde pubblico dei terreni, ed allo sgombero ad horas di tale terreno da parte dei cittadini sannicolesi utilizzatori del terreno in questione.

A questo punto, tutti coloro che utilizzavano il terreno dato loro in comodato d’uso per “autoconsumo” potrebbero essi stessi stati contaminati dall’uso prolungato dei prodotti ortofrutticoli da loro stessi prodotti. Il progetto “ORTO DEGLI AMICI” fu un’idea scaturita nel 2007 dall’allora amministrazione comunale condotta dall’ex Sindaco Angelo Antonio Pascariello. Il progetto prevedeva dodici lotti di terreno che vennero dati in uso triennale a dodici anziani che potevano coltivarli con l’aiuto di un esperto. Il terreno previsto per gli orti è quello sito in Via Luigi D’Andrea, incrocio con via Paul Harris e venne intitolato al carismatico “Baden Powell”. Purtroppo, l’allora amministrazione, prima di consegnare l’area in oggetto agli anziani, pare che non avesse mai pensato di far analizzare il terreno nonostante la vicinanza con l’area vasta di “Lo Uttaro” e neppure all’indomani del divieto, nel 2010, di utilizzare l’acqua per uso agricolo, domestico e fertirrigazione.

A questo punto, anche la mozione approvata all’unanimità nel corso del Consiglio comunale dello scorso 13 dicembre 2019, con la quale il Sindaco Vito Marotta e la sua Giunta venivano impegnati ad adottare l’iniziativa denominata “Orti sociali comunali”, va completamente rivista, considerato che molte aree del territorio sannicolese sono contaminate e non si conosce ancora fino a dove e a quanto lo siano.