Sant’Antimo. Operatori ecologici non pagati si esonerano dal servizio. In città rifiuti sparsi ovunque.

Rifiuti in strada lungo Sant’Antimo in questi giorni in diversi punti della città per lo stato di raffreddamento dal servizio proclamato lo scorso 28 agosto dai dipendenti della Cite, Consorzio che si occupa della raccolta sul territorio. Circa 60 dipendenti lamentano il mancato pagamento di metà stipendio di giugno oltre a quelli di luglio ed ora anche di agosto oltre alle quattordicesime. Gli operatori ecologici, oltre a lasciare a terra i sacchetti, hanno inscenato questa mattina un sit-in che ha bloccato il cantiere situato a Sant’Arpino. In genere l’iter per lo stipendio ai lavoratori rispetta più o meno questa procedura: il Comune paga i soldi alla Cite e quest’ultima carica gli stipendi, è adesso da stabilire chi dei due è l’insolvente. In ogni caso, se non si addiverrà ad un accordo, i dipendenti del Consorzio sono pronti a proclamare nei prossimi giorni uno sciopero.