Scienza ed arte: mostra di arte contemporanea di Michelangelo Penso alla Reggia di Caserta

Michelangelo Penso, artista che da anni lavora a livello internazionale sulle connessioni tra ricerca scientifica e artistica, ha concepito per due sale della residenza borbonica, la Sala dei porti e la Sala della Fortuna, una mostra contemporanea.

Verranno esposte dal 27 luglio al 27 settembre Sulfolobus solfataricus e Caldariella acidophila, due opere ispirate al medesimo archeobatterio, detto estremofilo poiché si differenzia dai batteri tradizionali per aver sviluppato caratteristiche straordinarie che consentono la vita in ambienti inospitali, estremi.

Anche la Reggia può essere definita “estremofila” per le sue dimensioni, le sue peculiarità architettoniche e le varietà botaniche.

La mostra è curata da Leo Lecci, docente di Storia dell’arte contemporanea all’Università di Genova e organizzata in collaborazione con la Galleria Alberta Pane (Parigi – Venezia) e l’Archivio d’arte contemporanea dell’Università di Genova.