Semifinale regionale di Miss Italia a Cellole: la napoletana Chiara Consalvo vince il primo posto

Sabato 17 agosto 2019 presso il Bar Baia Azzurra di Cellole si è tenuta la semifinale regionale Campania di Miss Italia, il concorso di bellezza più ambito e di maggior prestigio giunto all'80esima edizione.

CELLOLE – Sabato 17 agosto 2019 presso il Bar Baia Azzurra di Cellole si è tenuta la semifinale regionale Campania di Miss Italia, il concorso di bellezza più ambito e di maggior prestigio giunto all’80esima edizione. A concorrere 17 ragazze, 9 per aggiudicarsi la possibilità di accedere alla finale regionale e 8 per il titolo di Miss Mascotte Baia Azzurra. La conduzione della serata si deve all’immancabile e storico presentatore del concorso Erennio De Vita che, ha festeggiato i suoi 25 anni in Miss Italia. La direzione artistica è di Santo Di Pasquale (Envy group agency).

A vincere la semifinale regionale è stata la napoletana Chiara Consalvo di 20 anni che, insieme alle altre 5 selezionate accederà alla finale regionale che si terrà presso il ristorante “Zi Teresa” a Napoli, mentre la finalissima avrà luogo al Dubai Village di Nola. In sesta posizione, con il numero 02 Karol Torone; quinta classificata Valentina Dipinto con il numero 08; quarta la numero 06 Valentina Chianese; al terzo posto Naomy Balsamo con il numero 04; in seconda posizione Viviana Tranfici con il numero 07. Commozione e felicità sul volto della vincitrice Chiara Consalvo pronta per concorrere al titolo di Miss Napoli nella prossima tappa.

Nella sezione Mascotte, che ha visto come protagoniste concorrenti dai 12 ai 17 anni, si aggiudica il terzo posto Miss Simpatia Baia Azzurra con il numero 14 Romina Esposito; la seconda classificata ad indossare la fascia di Miss Teenager è Angela Mallardo con il numero 13; vittoria per la giovanissima napoletana Francesca Gragnaniello che a soli 15 anni con il numero 11 si aggiudica la fascia di Miss Mascotte Baia Azzurra.

Le foto sono state reperite sulla pagina Facebook di Miss Italia Agenzia Campania.