Sorpresa alla De Amicis: nessun allagamento ma solo piccole macchie di umido sul soffitto

Dopo la vivace manifestazione di stamattina, alle ore 13.30,l'Amministrazione Comunale si e' allertata ed ha disposto ipso facto un sopralluogo sul posto per verificare lo stato dei danni

Caserta. Continua il braccio di ferro tra la Scuola Elementare ” E. De Amicis”, di cui e’ Dirigente Scolastico la Prof.ssa Tania Sassi, e l‘Amministrazione Comunale: una vera e propria guerra iniziata con l’applicazione del dispositivo Ztl in Corso Giannone, poi proseguita con il progetto di dimensionamento scolastico ed, in questi giorni, culminata con l’allagamento della scuola in seguito alle piogge.

La questione e’ molto semplice: ad ogni proposta dell’Amministrazione Comunale corrisponde sempre una ” controreplica ” della Scuola De Amicis.

Sta di fatto, pero’, che, oggi 5 novembre 2019,   i vertici dell’Istituto sembra abbiano realizzato un vero e proprio autogol nella battaglia contro Palazzo Castropignano.

Ma procediamo con ordine.

Questa mattina, all’indomani del ponte scolastico stabilito per la Commemorazione dei Defunti e per la Celebrazione delle Forze Armate, una folta delegazione della De Amicis, composta da qualche Docente e da genitori alcuni dei quali accompagnati anche dai scolari , ha vivacemente protestato sotto la sede del Comune : alla base dell’iniziativa, secondo quanto dichiarato dagli stessi manifestanti, il presunto allagamento di alcune aule.

Immediatamente, l’Amministrazione Comunale si e’ allertata ed ha disposto ipso facto un sopralluogo sul posto per verificare lo stato dei danni.

Alle ore 13.30, la delegazione comunale, composta dal Vice Sindaco Franco De Michele, dal Presidente del Consiglio Comunale Michele De Florio, dal Consigliere Comunale Gianni Comunale e dal Dirigente del settore Franco Biondi, oltre che da tecnici comunali, si e’ recata presso la storica sede della Scuola Elementare De Amicis .

Ad attenderli, oltre il Dirigente Scolastico Tania Sassi, anche alcuni genitori.

A questo punto, e’ prevalso lo stupore dei presenti: le aule interessate erano sostanzialmente 5 , peraltro gia’ chiuse per disposizione dell’amministrazione comunale.

In altre aule, invece, era possibile intravedere solo piccole macchie di umidita’ sul soffitto, che inevitabilmente rappresentano un campanello d’allarme per l’agibilita’ della scuola, ma che non giustificano certamente l’ ” animata manifestazione” alla quale abbiamo assistito questa mattina.

Dunque , nessun allagamento.

Sta di fatto, pero’ , che, questa mattina,  al rientro dal ponte di Ognissanti, oltre alla manifestazione sotto il Comune,  la scuola ha allertato i Vigili del Fuoco i quali sono arrivati durante la mattinata per procedere al controllo della  situazione segnalata.

Una ditta, chiamata direttamente dal Comune di Caserta, dovrebbe recarsi nelle prossime ore presso  la Scuola De Amicis per intervenire direttamente nelle aule 16-17- 24-25-26, cioe’ le aule gia’ precedentemente chiuse per disposizione dell’amministrazione.

La stessa ditta, inoltre, – ha rassicurato il Dirigente Francesco Biondi –  si occupera’ di rimuovere i pannelli alle aule precedentemente fissati”.

Insomma, l’Amministrazione Comunale e’ intervenuta immediatamente per ripristinare l’agibilita’ delle aule che al piu’ presto dovrebbero essere riparate consentendo, altresi’, il normale svolgimento dell’attivita’ didattica senza alcuna interruzione.

Resta, pero’, in sospeso l’esito del sopralluogo dei Vigili del Fuoco chiamati stamattina dalla Dirigenza : i Caschi Rossi, proprio perche’ allertati per procedere al controllo della segnalazione di potenziale pericolo, potrebbero disporre la chiusura della scuola in attesa che venga ripristinato lo status quo.

E l’interruzione della attivita’ didattica , oltre che danneggiare i bambini, sarebbe causa di gravi inconvenienti per le famiglie degli scolari.

Oggettivamente- ha dichiarato il Vice Sindaco Franco De Michele – il problema esiste ed in qualche modo va risolto. Analizzando con attenzione quanto accaduto questa mattina , credo che sarebbe bastata una delegazione di docenti e genitori che fosse venuta in Comune ad esporre il problema evitando la immancabile strumentalizzazione politica che, lo ripeto, per quanto seria non credo sia allarmante”.

” E’ chiaro – ha concluso De Michele- che, abrogando ogni forma di dialogo con l’amministrazione e facendo scattare l’intervento dei Vigili del Fuoco, al di la’ del nostro intervento, l’apertura o la chiusura della scuola De Amicis e’ legata all’esito del loro verbale. E, da cittadino e da amministratore, ribadisco che tutto questo si poteva evitare”.

Piu’ tardi vi aggiorneremo sull’esito del verbale dei Vigili del Fuoco.