SPECIALE UNIVERSIADI A CASERTA, IL SETTEBELLO AZZURRO VOLA IN SEMIFINALE ALLA SCANDONE

Prestazione maiuscola degli azzurri che asfaltano la Francia, sabato semifinale contro la Russia a Napoli, rettilineo finale di queste Universiadi estive.

Universiadi a Caserta, Stadio del Nuoto-Vittoria netta degli azzurri in calottina o cuffia blu, la Francia viene battuta senza troppi patemi, sempre avanti i ‘magnifici sette’ quello che era ribattezzato come settebello si conferma squadra forte guidata dal coach Angelini.

Andiamo con ordine si parte alle ore 19:30, inizia bene l’Italia, subito Giacomo Cannella buca il portiere francese 1-0, ottima partenza degli azzurri, i francesi vestono la cuffietta bianca: attacco azzurro, superiorità numerica, tiro del nostro 10 Di Martire deviato in corner, ma la rete è matura Guidi da sottomisura fa 2-0.

Provano a rispondere i francesi, superiorità numerica per l’espulsione di Campopiano accorciano i bianchi con Marion Vernoux il loro numero 11.

Di Martire fa tre a uno per gli azzurri ma la Francia agguanta il tre a tre con Cannone. L’Italia però è viva Di Martire il nostro n.10 fa 4-3 e buca Fontani portiere dei ‘bleu’. Bruni in gol e siamo 5-3 finisce il primo quarto così.

Secondo quarto.

La Francia accorcia, quarta marcatura ma gli azzurri con Guidi vanno sul 6 a 4. Entra l’ azzurro numero due Del Basso, Van Damme per i ‘galletti’ segna il goal n. 5. Esposito per i padroni di casa fa 7a 5, capitalizzando la superiorità numerica dell’uomo in più, Del Basso ci prova da lontano tiro stoppato. Ancora in attacco i nostri Alesiani lo sprinter azzurro rubapalloni nelle contese (tre palloni ad uno per lui) iniziali fa GOOOOL. Risponde Olivon siamo 8-6.

Terzo quarto.

Iniziano bene gli azzurri che raggiungono la decima marcatura, accorcia Vernoux per i francesi, il nervoso Cervettì viene espulso e sarà una scena che si ripeterà molte volte anche dopo. Gol di Campopiano, 11-7 per gli italiani. Controfuga azzurra su palla conquistata a centro vasca e con l’uomo in meno per noi, finisce l’azione due contro il portiere Fontani che contiene la conclusione a botta sicura ravvicinata azzurra. Applausi a scena aperta per il terzo quarto in cui l’Italia piazzerà l’allungo decisivo.

Cannella inizia a scaldare il braccio, missile da lontano 12-7, molto bene la fase difensiva azzurra che non concede nulla, ancora un siluro in diagonale di Cannella pallone che tocca la traversa e si insacca imprendibile!!! Spettacolo tutto italiano e allungo decisivo.

Quarta frazione.

Prima palla azzurra dentro ancora Del Basso, out il nostro Novara espulso, il francese Olivone nè approfitta subito, si fa tutta la vasca e fa gol 13-8 il punteggio è eloquente. Cannella sale ancora in cattedra trascinatore con i suoi fendenti da lontano, ancora out Cervetti, discesa di Alesiani e siamo sul 15-8 una controfuga dei galletti dopo un tiro respinto del subentrato Del Basso, ma l’occasione viene cestinata clamorosamente dai francesi con un tiro fuori da distanza ravvicinata, la Francia non c’è più anche se si porta sul punteggio di 15-9. Timeout Italia dagli spaltI si alza il coro mundial di Germania 2006 po po po popopoporoooo. SI va sul 16-6 per gli azzurri inutile il gol nell’ultima azione per i galleTti buono per le statistiche

Cannella uomo partita, nel nostro articolo di stamane di presentazione del match abbiamo indicato come possibili protagonisti Del Basso e Cannella, il laziale non ha tradito man of the match con i suoi missili da lontano che nel terzo quarto hanno fatto prendere il largo ai nostri atleti, Italia settebellezze. Del Basso ai nostri microfoni aveva detto che il valore dei francesi era inferiore ai croati, l’andazzo e il risultato gli hanno dato ragione. Sabato alla Scandone di Napoli ci attende la Russia tra le favorite insieme alla fortissima Ungheria che affronterà gli USA sempre sabato pomeriggio nell’altra semifinale.

Galleria fotografica del match alcuni scatti con i giocatori in lotta e non solo. Stadio pieno di gente ed entusiasmo Caserta ha risposto dando una mano con il tifo ai ‘magnifici sette’.