Speranza per Caserta interroga Sindaco e Assessore sui lavori di riqualificazione della Villetta Padre Pio

Quando mercoledì 10 aprile di buon mattino abbiamo protocollato l'interrogazione consiliare, non eravamo ancora al corrente dell'ennesimo increscioso episodio che ha visto vittima un bambino, feritosi nell'area giochi della Villetta, e della conseguente interdizione dell'area da parte della Polizia Municipale. A questo punto, sono ancora più urgenti ed improcrastinabili risposte chiare da parte dell'Amministrazione

“Quando mercoledì 10 aprile di buon mattino abbiamo protocollato l’interrogazione consiliare, non eravamo ancora al corrente dell’ennesimo increscioso episodio che ha visto vittima un bambino, feritosi nell’area giochi della Villetta, e della conseguente interdizione dell’area da parte della Polizia Municipale. A questo punto, sono ancora più urgenti ed improcrastinabili risposte chiare da parte dell’Amministrazione ”.
Questo il commento dei Consiglieri di Speranza per Caserta, Naim ed Apperti, a proposito del documento inviato a Sindaco ed Assessore ai Lavori Pubblici, per chiedere aggiornamenti circa i preannunciati, ormai da quasi un anno (8 giugno 2018), lavori di riqualificazione di Villetta Padre Pio.
In quella data, infatti, veniva approvato in Giunta il progetto esecutivo e l’avvio del bando di gara per l’espletamento dei lavori, finanziati dalla Regione Campania, a valere sulle risorse POC 2014 – 2020 con 1milione e 200euro di cui 60mila euro per la progettazione.
Dopo i roboanti annunci, che fin dall’inizio hanno suscitato perplessità soprattutto per il valore economico enorme per uno spazio di 5.000 mq che supera di poco le dimensioni di un campo di calcio, ad oggi non è dato conoscere il cronoprogramma degli interventi; per questo motivo i Consiglieri Apperti e Naim hanno depositato l’interrogazione indirizzata al Sindaco Marino e all’Assessore De Michele per chiedere lumi in proposito.
Nel documento, inoltre, si chiede se l’Amministrazione Comunale abbia intenzione di tutelare le alberature esistenti e sane che hanno raggiunto dimensioni significative e non presentano problemi di stabilità e/o gravi patologie da giustificarne l’abbattimento. Una domanda che nasce da una legittima preoccupazione, visto che nella citata delibera di Giunta n. 128 dello scorso giugno a pagina 172 è scritto testualmente che si provvederà al taglio della vegetazione, senza alcuna motivazione. Infine, i Consiglieri Comunali di Speranza per Caserta hanno chiesto se l’Amministrazione Comunale, prima di procedere a qualsiasi intervento, ritiene utile approvare un Regolamento sul verde pubblico, visto che tutte le essenze arboree del territorio comunale costituiscono patrimonio ambientale e come tali devono essere tutelate e mantenute secondo le migliori tecniche agronomiche.