STANZE DI CARTA RIAPRE LE PORTE AL PALAZZO TARTAGLIONE DI MARCIANISE

Elsa Morante e il suo capolavoro "Menzogna e sortilegio" al centro dell'attenzione

Il prossimo appuntamento con il gruppo di lettura “Stanze di Carta” è fissato per domenica 7 aprile 2024, alle ore 17:30, presso una delle sale del suggestivo Palazzo Tartaglione a Marcianise. L’opera letteraria scelta per questa occasione è il capolavoro d’esordio della celebre scrittrice italiana Elsa Morante, intitolato “Menzogna e sortilegio” e pubblicato nel lontano 1948.

Il gruppo di lettura, seguendo la sua consueta prassi, si immergerà nelle profondità narrative del romanzo di Morante, per poi avviare un vivace dibattito e un approfondimento sull’opera e sulle tematiche trattate dall’autrice. Questo evento rientra nel più ampio ciclo di incontri dal titolo “Il femminismo visto attraverso la lente delle scrittrici italiane del Novecento”, che si propone di esplorare il contributo delle donne scrittrici alla riflessione sul femminismo nel corso del secolo scorso.

“Menzogna e sortilegio” rappresenta non solo un punto di svolta nella carriera di Elsa Morante, ma anche un’opera che ha lasciato un’impronta indelebile nel panorama letterario italiano. Attraverso la sua prosa potente e coinvolgente, l’autrice ci conduce in un viaggio attraverso le vicende della famiglia Olivieri, esplorando temi quali l’amore, il destino, la violenza e l’identità.

In un’epoca in cui le donne stavano conquistando sempre più spazio nel mondo della letteratura e della società, Elsa Morante si è distinta per la sua capacità di dare voce alle esperienze femminili in maniera autentica e toccante. Il suo romanzo d’esordio, “Menzogna e sortilegio”, si erge così come un punto di riferimento imprescindibile per chiunque voglia comprendere appieno il contributo delle scrittrici italiane alla lotta per l’uguaglianza di genere.

L’incontro promette di essere un’occasione imperdibile per tutti gli appassionati di letteratura e per coloro che desiderano esplorare le complesse sfaccettature del femminismo attraverso gli occhi e le parole di una delle più grandi scrittrici del Novecento. L’entrata è libera e aperta a tutti coloro che desiderano partecipare e arricchire la discussione con le proprie riflessioni e interpretazioni.

Non resta che segnare la data sul calendario e prepararsi a immergersi nelle “Stanze di Carta” del Palazzo Tartaglione, pronti a lasciarsi incantare dalla magia della parola scritta e dal talento senza tempo di Elsa Morante.