Pubblicità elettorale

Pubblicità elettorale

TEATRO. L’attore e regista Antonio Di Nota a Villa Magnolia con la commedia “e che Dio ce la mandi…..BONA!”

di NUNZIO DE PINTO

L’attore e regista Antonio Di Nota a Villa Magnolia con la commedia “e che Dio ce la mandi…..BONA!”

CASTEL MORRONE – Domenica 12 novembre 2017, con inizio alle ore 19.00, nella Villa delle Magnolie in Via Ciummiento in Castel Morrone, andrà in scena l’atto unico brillante di Eva De Rosa e Massimo Canzano, interpretato dal Antonio Di Nota, Tiziana De Chiara ed Eva De Rosa. Antonio Di Nota, attore e regista napoletano, è oramai casertano d’adozione. Da anni impegnato nel teatro dialettale, è l’autore, tra l’altro, di molti testi teatrali e di numerosi versi. Antonio Di Nota è un artista molto conosciuto nel mondo teatrale. Per anni ha partecipato, con grande successo, alla rassegna teatrale estiva che si svolge a San Nicola la Strada. Eva De Rosa nasce a Luino (VA) ma è napoletana nel DNA e comincia la sua avventura nel mondo del teatro nel 1992, spaziando sia tra i filodrammatici che tra i professionisti. La sua biografia ci dice che è autrice di testi teatrali, attrice di Teatro, Cinema e TV, cabarettista, regista e conduttrice televisiva. Nel 2010 entra come attrice Endemol negli studi RAI e inizia un periodo in cui sarà nei cast di vari film e fiction e diventa cabarettista in vari circuiti tra cui Zelig. Nel 2011 inizia la conduzione della fortunata trasmissione regionale dedicata al teatro “Indovina chi c’è a teatro”, di cui ne è stata la conduttrice. Sempre negli stessi anni, spinta dalla voglia di scrivere commedie moderne in cui ci fossero giusti equilibri nei ruoli sia maschili che femminili, nascono i primi lavori, alcuni scritti anche a quattro mani con l’amico Massimo Canzano, tra cui: “In fuga con il catetere” (2013), in cui tre vecchietti affrontano nella “prigione di una casa di cura” la Terza Età; “INPS: Inganni Napoletani Per Sopravvivere” (2014), intreccio molto comico sull’arte di arrangiarsi; “Pompieri in tacchi a spillo” (2014) affronta con la leggerezza ed il divertimento le problematiche di due pompieri che si fingono gay; “Uniti per difetto” (2015), un’esplosione di risate in cui 4 diverse coppie sono alla ricerca del rapporto d’amore perfetto, finché non incontrano l’Androide-Uomo; “e che Dio ce la mandi … BONA” (2016), atto unico brillante in cui 3 o 4 attori restano unici sopravvissuti sulla terra. Massimo Canzano, imprenditore partenopeo, è figlio d’arte. Suo padre, Mario, fu autore di grande “Fame”, mentre il fratello Domenico è anch’egli un attore teatrale. I fratelli Canzano hanno iniziato a fare teatro nel 1988 in una compagnia teatrale di San Giorgio a Cremano. Autore più che attore, Massimo Canzano ha partecipato anche alla trasmissione televisiva “Lo scherzo perfetto” condotto da Teo Mammuccari. Ha scritto più di venti commedie che vengono puntualmente rappresentate in tutti i teatri italiani. Il suo più grande desiderio è quello di recitare, un giorno, insieme a Biagio Izzo.

Pubblicità elettorale

Pubblicità elettorale