Titolare di agenzia viaggi, operava delle truffe ad ignari clienti.

Capodrise –  Truffe ad ignari acquirenti, questo è quanto emerso dalle risultanze di un  processo tenutosi a Santa Maria Capua Vetere , dinanzi al giudice in composizione monocratica  (singola), dott. Giuliana de Angelis che ha tenuto appunto il giudizio.

Dal  processo  è emerso che la titolare di  un’agenzia viaggi, ossia, Giovanna D.A. la quale lavorava all’ interno dell’ Agenzia Fevalù, a Capodrise, organizzava dei ‘fantomatici’ viaggi fantasma,  simulando la prenotazione anche di alcuni viaggi, sia per matrimonio, ma anche all’ estero con mete anche ambite tipo Nizza o Lourdes.

La titolare dell’agenzia viaggi, avrebbe intascato poi delle somme ingenti, sembrerebbe intorno agli euro 17.000, con acconti a saldo versati da ignari clienti della predetta agenzia. Dopo la prenotazione gli stessi ‘utenti’ si accorgevano di non aver alcuna prenotazione , ed alcuni avrebbero anche richiesto invano il rimborso di quanto pagato inutilmente non ottenendo indietro alcunchè, nemmeno il rimborso del voucher.

Qualche cliente accortosi del raggiro fraudolento avrebbe anche poi successivamente sporto denuncia presso la vicina guardia di finanza di Marcianise, dal quale poi sono scaturite le prime indagini a carico della titolare dell’agenzia che ha poi subito il processo.