USURAIO AD AVERSA METTE IN GINOCCHIO LE FAMIGLIE

Arrestato dalla Guardia di Finanza il cravattaro di Aversa (CE) denunciato dalle famiglie a cui estorceva sempre più denaro

Auto di lusso dal valore di 35mila euro, beni di ogni tipo e banconote di grosso taglio. Così viveva fino ad oggi un usuraio 41enne di Aversa (CE). L’intervento della Procura di Napoli-nord è stato efficacie a tal punto che questa mattina le fiamme gialle di Aversa hanno messo in atto l’arresto e il sequestro dei beni materiali.

L’indagine era partita a gennaio 2015, ma solo ad aprile di quest’anno sono emerse grosse cifre di danaro provenienti da tassi d’interesse pari al 120% su base annua.

I debiti del ricco usuraio aversano erano tanto onerosi da non permettere alle povere vittime di colmare il debito. Poi le denunce nei confronti dell’uomo ad un certo punto hanno permesso agli inquirenti di effettuare delle indagini approfondite e, quando le intercettazioni telefoniche e ambientali hanno dimostrato l’azione delinquenziale, sono partiti i controlli bancari anche sui familiari.
Ora il GIP ha disposto gli arresti domiciliari come custodia a scopo cautelativo. Sarà la giustizia però a fare il suo corso.