Valle di Maddaloni. Illustrato progetto per la realizzazione delle rotatorie sulla S.P. 335

La sera del 20 settembre, alle ore 19,30  nell’aula Consiliare del Comune di Valle di Maddaloni c’è stato un incontro informativo per illustrare ‘ipotesi di intervento sulla S S.P. 335 che collega i comuni di Maddaloni e Valle di Maddaloni. L’incontro è servito anche per fare il punto sulla situazione. L’ipotesi progettuale, ricordiamo, è stata elaborata dai tecnici dei 2 comuni coinvolti, unitamente al comitato per la sicurezza. I sindaci Francesco Buzzo ed Andrea De Filippo, già a fine agosto, hanno presentato in Prefettura la richiesta di un tavolo tecnico con tutte le realtà coinvolte nel progetto, quali ANAS e Rete Ferroviaria, per procedere su quanto stabilito già nelle precedenti riunioni di maggio/giugno.

Il progetto illustrato ieri conferma la richiesta di 5 rotonde per la messa in sicurezza di questo tratto di strada che viene percorsa spesso ad elevata velocità, causando frequenti e gravi incidenti. Le rotatorie dovrebbero essere posizionate nei seguenti punti nevralgici: una in prossimità dei Ponti della Valle, una nei pressi dell’incrocio con la stazione di Maddaloni Superiore, una in corrispondenza dell’ingresso in Maddaloni da via Ponte Carolino e un’altra all’incrocio invece con via Feudo; infine una in località “Giardinetti”. Oltre questo il progetto prevede il rifacimento dello strato di usura, della segnaletica orizzontale e verticale; la realizzazione di un impianto di illuminazione, di una corsia per veicoli lenti e di opere di urbanizzazione secondarie, quali, ad esempio, una pista ciclo-pedonale.

Un progetto  articolato, dettagliato, che ha curato ogni aspetto ed esigenza nell’ottica di una reale messa in sicurezza indispensabile su questo tratto troppe volte mortale. Una proposta seria a prescindere dalla possibilità di realizzare 3,4 o 5 sensi rotatori, che dovrebbe tenere conto della sicurezza dei residenti oltre a salvaguardare le necessità logistiche delle attività imprenditoriali insistenti su questo tratto di strada.  Merito di un gruppo di lavoro che ha utilizzato competenze specifiche per i vari settori ed ha lavorato in sinergia, dal comitato ai tecnici alle amministrazioni coinvolte.