Vicinissima la riapertura della Reggia di Caserta. Ecco tutte le modalitá per l’accesso.

Come si evince dall’ultimo DPCM i luoghi della cultura statali nelle zone gialle riapriranno, a partire dal 18 gennaio, nei giorni feriali. Resteranno chiusi nei giorni festivi.

La Reggia di Caserta, dunque, qualora non intervengano ulteriori provvedimenti governativi, ministeriali o regionali, aprirà piano piano le sue porte al pubblico la prossima settimana.

La Direzione ha avviato il dialogo con i sindacati per addivenire, dalla settimana successiva, all’apertura del Complesso anche il martedì, giorno di chiusura settimanale, ed è in attesa di indicazioni dal Ministero e dagli organi territoriali competenti circa l’apertura del 20 gennaio, ricorrenza della festività del Santo Patrono di Caserta. L’Istituto museale è tenuto, infatti, a rispettare quanto previsto dal Governo.

Grande lavoro in questi giorni per la predisposizione delle necessarie misure di sicurezza a tutela del personale e dei visitatori. L’accesso sarà consentito solo previa prenotazione online tramite la piattaforma TicketOne. Tale obbligo è valido anche per i biglietti gratuiti e ridotti mentre ne sono esclusi i titolari del nuovo abbonamento Reggia Card 2021 e coloro che hanno ottenuto la ristampa, con codice a barre leggibile da palmare, del vecchio abbonamento Parc e ParcApp (ancora in corso di validità).

I biglietti saranno in vendita sulla piattaforma TicketOne a partire dalle 8.30 di lunedì. I nuovi abbonamenti Reggia Card, invece, sono già online e acquistabili a questo link.
Con Reggia Card sarà sufficiente recarsi a uno degli ingressi (piazza Carlo di Borbone o corso Giannone) muniti di ricevuta elettronica dell’abbonamento rilasciata da TicketOne (in formato cartaceo o anche da smartphone), insieme a un documento di riconoscimento valido. Tutte le informazioni sono disponibili a questo link.

La visita alla Reggia di Caserta preserva tante novità per il suo pubblico. Sono andati avanti in questi mesi i lavori di restauro dei cortili, dei tetti, dello Scalone reale, dei pavimenti in encausto degli Appartamenti reali, della Peschiera, della Cascata e delle serre del Giardino Inglese.
Nel quarto cortile del Palazzo Reale, all’esterno del cantiere di restauro, sono state realizzare pannellature dell’altezza di circa due metri per coinvolgere il visitatore e spiegare la finalità degli interventi. Sui supporti sono illustrati, mediante testi e immagini, i progetti di recupero del sistema delle coperture, degli androni est e ovest prospicienti Piazza Carlo di Borbone, del III e IV cortile e della facciata nord della Cappella Palatina. Altri interventi sono ancora in corso.