Ancora, dopo 25 anni, ricordato don Peppe Diana a Casal di Principe

15 mila persone sfilano per non dimenticare

CASAL DI PRINCIPE – La giornata di oggi, a distanza di ormai ben venticinque anni dalla sua “nascita al cielo” è servita a far si che la sua memoria non sia invana.

Nella città aversana, infatti, diverse sono state le manifestazioni organizzate a suo ricordo. Tra le tante quella che possiamo dire sia davvero stata significativa è stata quella di ben quindicimila suoi concittadini insieme a tantissimi giovani provenienti anche da diverse parti d’Italia, i quali non hanno avuto timore di ricordare in che modo sia diventato un testimone fedele e autentico del Vangelo.

La sua vita don Peppe Diana, infatti, l’ha vissuta avendo ben chiaro due cose fondamentali: la gioia di essere un cristiano autentico e di dover spendere tutte le sue forze per i giovani, sperando di poter far si che ognuno di loro rappresentare il futuro “trasparente” della società nella quale viviamo

Tutti, in questa giornata, hanno ricordato che la sua vita è stata “falciata”, per mano di un Killer, nel momento in cui si preparava a celebrare l’eucarestia. Quel giorno nel quale ricorreva anche il suo onomastico ha avuto la gioia di poterlo festeggiare riunendosi a quella dimensione verso la quale la sua fede sempre di più, giorno dopo giorno, lo ho fatto sperare e credere.

Oggi il ricordo di coloro che lo hanno conosciuto può esserci utile per tenere vivo ciò in cui credeva e per cui è vissuto.