Anziani rapinati dell’auto con la tecnica del bullone

Nella mattinata odierna, aIl’esito di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli Nord, i carabinieri della Stazione di Trentola Ducenta (Ce), dipendente dalla Compagnia di Aversa (Ce), hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Napoli Nord, nei confronti di due persone di anni 50 e 52, residenti in Arzano (Na), per rapina e furto di auto con destrezza.

L’attività investigativa è scaturita in seguito alle denunce presentate da alcune persone ultra-sessantacinquenni i quali lamentavano di avere subito il furto della propria autovettura e, in un caso, la rapina poiché la vittima era stata anche minacciata.

Le indagini, svolte anche attraverso I’acquisizione delle immagini estrapolate dai sistemi di videosorveglianza, hanno consentito di appurare Ie condotte poste in essere dagli odierni indagati che, secondo I’ipotesi accusatoria avvalorata dal GIP, utilizzavano la tecnica del bullone, consistente nel simulare la perdita del bullone della ruota dell’auto. Avvicinavano il conducente informandolo del fatto che pochi metri prima aveva perso un pezzo dell’auto. Con questa tecnica gli indagati inducevano la vittima a scendere dal veicolo per verificarne Ie condizioni e, approfittando del fatto che in taluni casi il veicolo era ancora in moto, perpetravano il furto dello stesso.