Assolti Massimo Grimaldi ed Eduardo Giordano: la Regione Campania costretta al risarcimento

La Corte dei Conti accoglie i ricorsi delle parti

È stata decretata nelle Camere di consiglio a Roma, tra il 20 e il 27 febbraio 2019, l’assoluzione per il consigliere regionale Massimo Grimaldi e per l’ex consigliere regionale Eduardo Giordano. In primo grado entrambi erano stati accusati della Corte dei Conti di aver impiegato illecitamente i rimborsi per attività istituzionali tra il 2011 ed il 2012.

I ricorsi inviati alla Terza Sezione Centrale d’Appello della Corte dei Conti, presieduta dal giudice Angelo Canale, formulati dai consiglieri Eduardo Giordano, Massimo Grimaldi, Antonio Marciano, Giuseppe Maisto, Biagio Iacolare, Pietro Foglia (deceduto a dicembre 2018), Domenico Siano, Pasquale Giacobbe, Eva Longo, Sandra Lonardo, Umberto Del Basso de Caro, Massimo Ianniciello e Giovanni Fortunato, sono stati accolti dai giudici che a loro volta hanno provveduto all’annullamento della condanna e al risarcimento delle spese legali degli inquisiti. La Regione Campania, infatti, stando alle disposizioni del giudizio, dovrà risarcire rispettivamente Grimaldi e Giordano con euro 1500,00.

La Corte dei Conti, per di più, ha dovuto tenere conto dei ricorsi presentati dal legale  Renato Labriola, difensore di Massimo Grimaldi, in quanto “l’obbligo della rendicontazione non era esigibile” poiché non previsto dal rimborso forfettario effettivamente erogato, per di più l’esame sottoposto alla Corte evidenzia un’erronea erogazione dei fondi dovuta ad un mero errore materiale.