BLITZ DOPO GLI SPARI IN PIAZZA

Due fermi, nei guai il figlio di Sandokan

Durante un’operazione condotta dai carabinieri su mandato della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, sono stati fermati Emanuele Libero Schiavone e Francesco Reccia, rispettivamente figli di noti boss del clan dei Casalesi. I due sono stati arrestati in un basso del Pallonetto di Santa Lucia, suscitando un’ampia eco nella comunità locale e preoccupazioni per una possibile recrudescenza della violenza.

 

Emanuele Libero Schiavone, figlio di Sandokan, è apparso visibilmente provato al momento dell’arresto, mostrando i segni di un recente incidente in moto con lividi e punti di sutura sul volto. Entrambi gli arrestati sono stati trasferiti a Caserta per le formalità di rito e il fotosegnalamento.

 

In seguito agli arresti, le autorità hanno effettuato perquisizioni presso l’abitazione di Emanuele Libero e di suo fratello Ivanhoe, situata in via Bologna a Casal di Principe. Recentemente, questa residenza era stata bersagliata da colpi di arma da fuoco, un episodio che ha alimentato preoccupazioni riguardo a una possibile escalation di violenza nella zona.

 

La comunità locale vive con crescente apprensione il rischio di una nuova ondata di violenza, come evidenziato dai recenti episodi di sparatorie. Le autorità, consapevoli della gravità della situazione, sono impegnate a prevenire ulteriori tensioni e a garantire la sicurezza della popolazione.

 

Le indagini proseguono sotto la guida della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, mentre le autorità locali e la comunità civile rimangono vigili e attente. Si attendono ulteriori sviluppi e chiarimenti riguardo agli arresti di Emanuele Libero Schiavone e Francesco Reccia, e alle implicazioni che questi potrebbero avere per la sicurezza pubblica nella regione.