CASERTA. Giannone, Daniela Volpecina chiude il progetto “Professionisti della cultura e della comunicazione digitale”

Il percorso organizzato dal Liceo Classico sannita e Università di Salerno. La giornalista casertana in dialogo con Tirino giovedì alle 13.30

BENEVENTO – Chiusura con un appuntamento di elevato profilo per il percorso di alternanza scuola lavoro “Professionisti della cultura e della comunicazione digitale”, organizzato dal Liceo Classico “Pietro Giannone” di Benevento e dal Dipartimento di Studi Politici e Sociali dell’Università di Salerno. Sarà infatti la reporter Daniela Volpecina, giornalista del Mattino e di La 7, la protagonista dell’ultimo incontro delle attività, progettate e coordinate dal professor Mario Tirino, esperto esterno del percorso, studioso di culture digitali e assegnista di ricerca presso l’Ateneo salernitano.

L’appuntamento è per giovedì, 28 marzo 2019, alle ore 13.30, presso l’Aula Magna del Liceo sannita, in cui Tirino intervisterà la professionista casertana in un talk dal titolo “Il giornalismo tra carta stampata e comunicazione televisiva”. Daniela Volpecina racconterà agli studenti e al pubblico le trasformazioni del lavoro del giornalista, a partire dalle numerose esperienze professionali tra giornalismo d’inchiesta, reportage di guerra, servizi radiotelevisivi. A scapito della giovane età, la giornalista campana vanta infatti una lunga attività sia a livello regionale, sia a livello nazionale, che renderanno il suo talk una rilevante opportunità per gli allievi del percorso di confrontarsi con una comunicatrice dall’amplissimo bagaglio di esperienze.

“In linea con la struttrura di questo percorso, che abbiamo inteso come una porta su un mondo – quello della comunicazione mediale – in rapida mutazione, anche il talk con Volpecina sarà l’occasione per discutere delle competenze, abilità e conoscenze di cui un giornalista deve essere dotato per comunicare a cavallo tra più media”, dichiara l’esperto Tirino. “Nello specifico, con Daniela, attraverso il racconto delle sue esperienze professionali, faremo un viaggio tra vari contesti in cui si è cimentata, passando dalla realtà del giornalismo locale casertano degli anni Novanta, fino agli studi televisivi della trasmissione ‘Tagadà’ di La 7 con cui collabora regolarmente, passando per gli scenari di guerra in cui ha lavorato”, conclude il docente dell’Ateneo salernitano.

Nella seconda parte dell’incontro, che si terrà nell’Aula informatica, Tirino e Volpecina guideranno i liceali in una serie di prove laboratoriali simulate di conduzione radiotelevisiva. Nelle sei lezioni precedenti, gli allievi hanno seguito lezioni, tenute dall’esperto esterno, sulle teorie e tecnico dell’ufficio stampa, sulla comunicazione istituzionale (ospite il portavoce del Comune di Airola, Giuseppe Fortunato), sulle web tv nel contesto locale (ospite Gianfranco Marchese, creatore di User tv), sull’ufficio stampa culturale (ospite Ignazio Riccio, giornalista del Giornale e del Mattino, addetto stampa di Klanmovie Production) e sul web writing (con l’apertura del blog “Digital Cultures”).

Il progetto, infatti, ha inteso fornire una serie di strumenti critici introduttivi alla comunicazione digitale, consentendo, contestualmente, agli studenti di cimentarsi in una serie di prove tecnico-laboratoriali per sviluppare competenze comunicative, potenzialmente spendibili in un ampio range di contesti professionali e formativi. Il percorso si avvale del supporto istituzionale del referente scientifico, Alfonso Amendola (docente di Sociologia degli Audiovisivi Sperimentali presso l’Università di Salerno), del direttore del Dipartimento di Studi Politici e Sociali, Gennaro Iorio, del Dirigente scolastico del “Giannone” Luigi Mottola e dei docenti giannoniani Anna Aversano, tutor interno del percorso, e Nicola Sguera, referente per la comunicazione esterna.