Caserta, la palestra abbandonata di Tuoro approda in Consiglio Comunale

Il Comune di Caserta vuol fare, ma è Bove a smuovere le acque

Oggi al Consiglio comunale di Caserta sono state diverse le interrogazioni dei Consiglieri. La questione “Degrado a Tuoro“, che ha coinvolto buona parte dell’assemblea, è ritornata tra i banchi dell’aula municipale.

L’interrogazione del Consigliere comunale Vincenzo Bove ha aperto il dibattito, ma la risposta dell’Assessore Alessandro Pontillo è stata chiara: “procederemo al più presto con i lavori di ripristino a Tuoro“.

Bove, nello specifico, con la sua interrogazione ha affrontato il problema sorto dall’abbandono della struttura sportiva costruita tra gli anni novanta e duemila in via Fanelli, quasi di fronte il parco popolare “Primavera”.

Attualmente, la struttura in questione versa in una situazione oltre che pericolosa, di scarso decoro urbano. Dalle mura esterne fatiscenti si passa a quelle interne completamente assenti, assieme agli arredi trafugati o distrutti. Le mattonelle, addirittura, non esistono più in quel fabbricato, costato all’epoca ai casertani quasi 900.000 euro. Per l’assessore Pontillo la struttura “non fu mai terminata“, in realtà i fatti sono ben diversi: la struttura non fu mai consegnata. Per il 90% l’opera era terminata, ma inspiegabilmente i lavori si fermarono e forse non per mancanza di soldi ma per giochi politici di ambigua natura. Intanto, per i politici dell’epoca la faccenda è morta e sepolta. Nessuno più ne parla, nessuno più ne racconta.

Nel 2008, l’amministrazione di quegli anni nominò un responsabile municipale per la sorveglianza della struttura di via Fanelli a Tuoro. Questa persona, non molto tempo fa processata per frode e concorso in appalti truccati, non adempì mai ai propri doveri. La struttura, per chiudere in bellezza, finì nelle mani della criminalità locale. All’interno della palestra “relitto”  si riunivano, oltre alle bande armate, anche folti gruppi di spacciatori. Tra le prime piazze di spaccio fino al 2014, infatti, c’era anche la Frazione Tuoro, secondo una classifica realizzata dal nostro giornale.

IL DIBATTITO: “Civilizziamo i casertani!”

Il dibattito aperto in Consiglio comunale circa l’argomento palestra di Tuoro ha visto come tematica centrale il “degrado morale“. Così lo ha definito l’intervento di un altro consigliere, che proponeva di stipulare un piano di educazione civica, poiché – sempre secondo quest’ultimo consigliere – il degrado sarebbe imputabile agli stessi residenti.

Su questo concetto si è subito espresso il Sindaco Carlo Marino, il quale ha risposto spiegando che l’educazione civica va si fatta, ma non per dare ai residenti la colpa del degrado urbano. Dunque, secondo i piani riqualificativi dell’Amministrazione casertana, si procederà al ripristino delle funzionalità delle periferie e ad un percorso educativo verso la “via della civilizzazione”. Quasi sicuramente il Comune di Caserta, nonostante il dissesto bis, riuscirà ad impiegare gli ultimi finanziamenti per le periferie stanziati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri anche a Tuoro.