Cesa – Mensa scolastica: i chiarimenti dell’Amministrazione Comunale

Per l'Amministrazione comunale e la Commissione Mensa è tutto in ordine

CESA – In riferimento a quanto pubblicato sugli organi di stampa circa la presunta bassa qualità del servizio di refezione scolastica, l’Amministrazione comunale precisa quanto segue. Non si comprende perché i consiglieri di minoranza, Ernesto Ferrante e Luigi De Angelis, abbiano deciso di sostituirsi, di fatto, alla Commissione Mensa che è l’organo ufficiale cui è demandato il controllo sul servizio di refezione scolastica. Se prima di recarsi a scuola, o prima di inviare comunicati alla stampa, i Consiglieri si fossero informati nelle sedi opportune, avrebbero certamente ricevuto tutte le informazioni del caso.

Avrebbero, per esempio, saputo che in sole due settimane (il servizio di refezione è partito il 14 ottobre 2019), la Commissione Mensa ha già più volte verificato, in maniera ufficiale e stilando gli opportuni verbali, l’andamento del servizio; che dalle ispezioni della Commissione Mensa non sono mai emerse problematiche tali che potessero far pensare ad una bassa qualità dei pasti o del servizio in generale. La Commissione Mensa, come già in passato, sta svolgendo egregiamente il suo compito ed ha la piena fiducia dell’Amministrazione comunale. Infatti, sempre dai verbali della Commissione Mensa, si evince anche che sono già state evidenziate alla Ditta alcune discrepanze tra menù giornaliero e pasti serviti e la possibilità di sostituire dei contorni con altri che sono più graditi dai bambini.

Tutte cose che, ripetiamo, sono state già fatte dalla Commissione Mensa, insieme con l’Assessore delegato Antimo Dell’Omo, in queste prime due settimane di servizio e di cui sia l’Amministrazione comunale che l’Ufficio Affari Generali hanno contezza e stanno affrontando. Non si capisce, quindi, perché si debba insinuare di una presunta assenza dell’assessore Dell’Omo su queste vicende quando ci sono verbali, riunioni e contatti con la Ditta a testimoniare il contrario.

Per quanto riguarda l’assistenza materiale, sottolineiamo che è stata questa Amministrazione a riattivare il servizio. Si ricorda, però, che si tratta di un servizio che dovrebbe essere di competenza delle istituzioni scolastiche come ribadito dal Miur (si legga la nota n. 3390 del 30 Novembre 2001). Rimane, invece, di competenza degli enti locali fornire prestazioni di tipo specialistico, funzionali ai processi di apprendimento e socializzazione attraverso figure per l’autonomia e la comunicazione ed assistenti specialisti.

Tale servizio rientra nel piano sociale di Zona e, nonostante l’ambito ha comunicato l’affidamento definitivo soli pochi giorni fa, è stato già attivato e partirà a pieno regime la settima prossima. Per concludere, l’Amministrazione comunale ribadisce la sua piena fiducia nell’operato della Commissione Mensa ed invita i consiglieri Ferrante e De Angelis a non sollevare polveroni mediatici senza prima aver verificato il lavoro e l’impegno degli organi preposti.