Dall’assessorato all’Ambiente alcune precisazioni e chiede aiuto per avere foto degli sversamenti in flagranza

L’Assessorato di San Nicola la Strada chiede a tutti i sannicolesi perbene “….un vero aiuto, una foto di qualcuno “beccato” in flagranza, mai un aiuto dall'occhio vigile di un cittadino attento….”. Non abbiamo compreso poi dove debbono presentare le foto fatte a chi sversa illegalmente? All’Assessorato e/o al Corpo della Polizia Municipale?

Dopo la pubblicazione di un ns. articolo relativo alla pulizia effettuata dall’Assessorato all’Ambiente e dalla società DHI in Via Cosenza che, forse “inneggiava troppo” all’operato del Vigile Ambientale Giovanni Ferrante, pubblichiamo, doverosamente e senza voler alimentare il culto della personalità (forma di idolatria sociale che generalmente si configura nell’assoluta devozione a un leader, solitamente politico o religioso, attraverso l’esaltazione del pensiero e delle capacità, tanto da attribuirgli doti di infallibilità),

pubblichiamo il post dell’Assessore all’Ambiente: “Stamattina 11 giugno 2019, a cura del personale della Dhi, su precise disposizioni dell’Amministrazione Comunale, concordate da tempo, è stata effettuata la pulizia nella stradina tra via Cosenza e via XX Settembre, in quella che una volta era definita volgarmente la “trasella”. Stesso trattamento anche nella strada dietro al Cimitero. Quanto durerà? Dipende solo dalla nostra civiltà, la “trasella” era stata ripulita a fine marzo e pochi mesi fa anche la strada dietro al cimitero ( per fortuna la foto dei telefonini hanno la data ben impressa e non si bleffa), però le abbiamo ritrovate piene di rifiuti.

Siamo vigili e controlliamo anche noi, anche se molte volte ci sono altre priorità delle quali bisogna tenere conto, ma piano piano si arriva dappertutto. Leggo tante segnalazioni, suggerimenti, indicazioni su questo o quel metodo, ma mai un vero aiuto, una foto di qualcuno “beccato” in flagranza, mai un aiuto dall’occhio vigile di un cittadino attento. Solo tante chiacchiere, tante, ma tante critiche, eppure tutti, ma dico tutti, viviamo perennemente con lo smartphone fra le mani. Noi proseguiamo nel nostro lavoro, non molliamo di un millimetro sia nella sensibilizzazione alla raccolta differenziata che nel combattere gli sversamenti illegali.

A noi piace parlare dopo che vengono effettuati i lavori. La programmazione di oggi era nota da almeno due settimane, ma nessuno di noi ha detto niente, nessuno se l’è venduta questa pulizia, noi parliamo dopo, a cose fatte, perché i fatti parlano per noi. I lavori di pulizia di altre strade oggetto di sversamenti illegali, ma soprattutto meschini, proseguiranno nei prossimi giorni. Ringrazio il personale della Dhi, la società incaricata del ritiro dei rifiuti, in particolare coloro che svolgono il loro lavoro con coscienza, abnegazione e senza sbavature, ci aiutano a far si che la nostra città sia pulita. Un ultimo ringraziamento va a chi ci sostiene, ci incita e ci collabora, senza alcun secondo scopo, solo nell’interesse della collettività. Noinonmolliamo”.

Siamo soddisfatti di questa precisazione, ripeto, doverosa, così come crediamo e facciamo nostro l’appello lanciato pubblicamente nel post dell’Assessore quando scrive “…..ma mai un vero aiuto, una foto di qualcuno “beccato” in flagranza, mai un aiuto dall’occhio vigile di un cittadino attento…..”. Vorremmo però sapere dall’Amministratore pubblico: i cittadini sannicolesi che scattano foto agli “sversatori illegali” a chi poi debbono inviarle? All’Assessorato all’Ambiente e/o al Comando della Polizia Municipale?

E, una volta inviate le foto, i sannicolesi sono sicuri che la loro identità verrà mantenuta “segreta” oppure verrà “spifferata” al cittadino che protesterà nei confronti di chi gli ha scattato la foto così da poterlo citare civilmente e chiedergli un risarcimento? Molti sono i cittadini che vorrebbero fare la cosa giusta, ma hanno paura perché sappiamo benissimo che TIZIO conosce CAIO che a sua volta conosce SEMPRONIO e riuscirà in un modo o nell’altro a farsi dire che è “quel cittadino modello” che gli ha scattato la foto così partiranno le rappresaglie.

All’Assessorato vorrei chiedere un’altra cosa: così come doverosamente abbiamo avuto notizia della pulizia a lavoro espletato, facendo altresì nostro il prosieguo del post: “…..….. …..”, sono state fatte multe contro questi “meschini personaggi” ? Perché non sono state date notizie dopo aver elevate le multe oppure non sono state fatte? Giusto per la chiarezza.