E-Give: da Caserta una nuova frontiera del digitale un progetto, un evento, un laboratorio di idee

Giovani riuniti a Caserta per promuovere la cutura del "dare" da contrapporre alla cultura dello "scarto"

CASERTA – Si inizia nel pomeriggio di venerdì 17 gennaio 2020 con un gruppo di sviluppatori di software ed esperti in scienze economiche e sociali che attraverso un hackathon – una maratona di cervelli di 24 ore – nella sede casertana dell’incubatore d’impresa 012 Factory gareggeranno tra loro per vedersi assegnare il premio di 5.000 euro messo in palio dai promotori: Fondazione Mario Diana onlus, Diocesi di Caserta e Caritas. L’obiettivo: realizzare E-GIVE, una piattaforma web strutturata che, sul modello dei tradizionali e-commerce, consenta nel principio della gratuità di donare quanto per se è superfluo a beneficio di chi ne ha necessità.

L’intero progetto è stato chiamato TIME to DARE. Dopo l’hackathon del 17 e 18 gennaio 2020 ci sarà il secondo momento di studio e confronto, previsto per il 22 gennaio al Belvedere di San Leucio con il forum; un vero laboratorio di idee, esperienze, pensieri, proposte e domande rivolto a
tutti gli operatori sociali che si occupano di povertà e a coloro che amano i valori della pace, della fraternità universale, della solidarietà, della sostenibilità ambientale, prevalentemente giovani che credono in una cultura economica improntata alla comunione, alla gratuità e alla
reciprocità.

Ad accompagnare in questo percorso i partecipanti al forum, oltre al Vescovo di Caserta, Giovanni D’Alise, due tutor d’eccezione: i professori Luigino Bruni e Alessandra Smerilli, economisti, consiglieri di Papa Francesco, divulgatori dell’economia civile e di comunione. Il team organizzativo è composto tutto da giovani appartenenti ai promotori e alle organizzazioni partner aderenti: Movimento dei focolari, Azione Cattolica, AGESCI, Rete Salesiana, Centro Sociale ex Canapificio.

Stampa

É stato possibile realizzare il progetto anche grazie al contributo della BCC Terra di Lavoro. L’iniziativa casertana ha ricevuto l’accredito da parte di due importanti eventi internazionali: The Economy of Francesco, l’incontro di giovani provenienti da tutto il mondo studiosi e
operatori dell’economia, convocati da Papa Francesco ad Assisi il prossimo 26-28 marzo; e il Centenario della nascita di Chiara Lubich, la fondatrice del Movimento dei focolari, colei che ha fatto nascere l’economia di comunione e promosso la cultura del «dare».

“Dare” è proprio una delle parole chiave dell’evento casertano. La piattaforma web che nascerà, infatti, si chiamerà E-GIVE che sta per economia del dare. L’altra parola simbolo del progetto è “rischiare”. Il Papa, nel convocare i giovani ad Assisi si è rivolto a loro con queste parole: “io so che voi siete capaci di ascoltare col cuore le grida sempre più angoscianti della terra e dei suoi poveri in cerca di aiuto e non avrete paura di rischiare e di impegnarvi nella costruzione di una nuova società.”. Il titolo TIME to DARE – dall’inglese tradotto “è tempo di osare”, ma in italiano può essere letto anche come “è tempo di dare” o “da dare” – ha pertanto un molteplice valore semantico per un progetto fatto di condivisione, solidarietà e tecnologia.

Sono ancora aperte le iscrizioni sia all’hackathon che al forum. Tutte le informazioni per partecipare sono disponibili sulla pagina web www.fondazionediana.it/time-to-dare