Emilia Genzano e Michele Casapulla da Roma verso Casolla

Sui passi della beata suor Maria Serafina

Oramai il grosso è stato più che fatto, mancano gli ultimi comuni da toccare e poco più di 200 chilometri da percorrere. Emilia Genzano e Michele Casapulla ieri stavano a Roma. Hanno impiegato ventiquattro giorni per arrivare nella città dei Cesari e dei Papi, nella Città Eterna, che da oltre duemila anni continua ad essere faro di cultura, faro di civiltà, meta ambita da tutti. Infatti, Roma, a differenza delle altre città, che pur sono meta di milioni e milioni di persone, ha un suo fascino particolare perché è veramente onnicomprensiva, nel senso che può essere scelta veramente da chiunque e non solo dai fedeli di una religione, ecco perché Roma è la città dei Cesari e dei Papi, ecco perché è la Città Eterna. Ecco perché Roma è stata celebrata da tutti gli artisti. Non a caso Orazio, il grande poeta venosino, così poetò: “non potrai vedere nulla di più grande di Roma”, verso ripreso dall’Inno a Roma di Giacomo Puccini.

Emilia Genzano e Michele Casapulla è dal 31 luglio, infatti, che catapere catapere, passo dopo passo si stanno avvicinando sempre più verso la meta prefissa, verso Casolla, meta raggiunta oltre un secolo fa da suor Maria Serafina, che dall’originaria Imer, provincia di Trento, giunse per l’appunto a Casolla, la frazione più antica del comune di Caserta, dove avrebbe fondato il 28 giugno 1891 il nuovo ordine monastico femminile delle Suore degli Angeli.

Il loro viaggio è il viaggio di suor Maria Serafina, è la rappresentazione dei sacrifici che occorre compiere giorno dopo giorno, è la rappresentazione degli ostacoli che bisogna superare, se veramente si vuole arrivare all’obbiettivo fissato.

 

Da Roma, passo dopo passo, toccheranno Frascati, Zagarolo, Genazzano, Anagni, Sgurgola, Supino, Frosinone, Isola Liri, Roccasecca, Cassino, Mignano Monte Lungo, Pietravairano, Piedimonte Matese, Castel Morrone, Casolla.

Il loro arrivo a Casolla è previsto agli inizi di settembre. Ma non sarà finito il loro viaggio. Infatti, una volta giunti a Casolla si indirizzeranno verso Faicchio, dove ha sede la Casa Generalizia delle Suore degli Angeli. Ma non solo il viaggio non sarà finito, ma non saranno nemmeno più soli. Emilia Genzano e Michele Casapulla saranno accompagnati nella loro ultima meta da tutti i tesserati e volontari di Casa Betania, sodalizio di volontariato aderente all’ANSPI. Anche quest’ultima tappa sarà la rappresentazione del percorso di suor Maria Serafina, che partita da sola da Imer riuscì a formare un ordine, quale è quello delle Suore degli Angeli, che è uno dei importanti ordini femminili e che oramai ha sedi in varie parti del mondo. Suor Maria Serafina dopo essere stata dichiarata venerabile nel 2009 da Benedetto XVI, dallo stesso grande ed indimenticato pontefice è stata beatificata il 28 maggio 2011.

Emilia Genzano e Michele Casapulla con questa loro semplice quanta impegnativa attività stanno dimostrando a tutti che basta un pizzico di buona volontà per superare le avversità della vita e raggiungere un obbiettivo, che è tanto grande e tanto più importante quanto più è impalpabile. Il percorso che stanno compiendo, che fondamentalmente più che fisico e geografico è un percorso spirituale, li sta appagando giorno dopo giorno, così come mostrano le foto che pubblicano, foto dalle quali traspare giovialità e serenità e che con grande semplicità ed umiltà hanno raggiunto.