FP CGIL Caserta presenta esposto poiché a Teano sono eluse normative in materia di sicurezza e ambiente sul lavoro

Inoltre, il parco automezzi dato in dotazione alle maestranze - oltre ad essere ridotto rispetto a quello previsto dal capitolato di appalto - non corrisponde ai criteri stabiliti dalle norme di legge per la raccolta e il trasporto dei rifiuti urbani e presenta anomalie meccaniche che lo rende pericoloso sia per chi alla guida sia per gli autoveicoli e i pedoni in transito. Infine, sempre in tema di elusione delle norme, oltre ad aver riscontrato che non vengono riconosciuti tutti gli istituti contrattuali previsti dal CCNL, risultano nell’organico lavoratori sotto inquadrati e con mansioni diverse da quelle poi svolte. In base alle risposte che saranno fornite e alle misure che il comune di Teano adotterà, la FP CGIL Caserta valuterà se inoltrare o meno apposito esposto alla Procura della Repubblica di Santa Maria C.V., per palese violazione delle leggi che regolamentano gli appalti pubblici, il trasporto e la raccolta dei rifiuti urbani.

TEANO – Dopo l’assemblea tenuta con il personale del cantiere di igiene urbana di Teano, dipendenti della società TLZ srl che fa capo all’imprenditore Cappelli, la FP CGIL di Caserta si è riservata di procedere con il promuovere un apposito esposto all’ASL e a tutti gli organi di controllo, poiché da oltre un anno vengono eluse tutte le normative in materia di sicurezza e ambiente sul lavoro.

Inoltre, il parco automezzi dato in dotazione alle maestranze – oltre ad essere ridotto rispetto a quello previsto dal capitolato di appalto – non corrisponde ai criteri stabiliti dalle norme di legge per la raccolta e il trasporto dei rifiuti urbani e presenta anomalie meccaniche che lo rende pericoloso sia per chi alla guida sia per gli autoveicoli e i pedoni in transito. Infine, sempre in tema di elusione delle norme, oltre ad aver riscontrato che non vengono riconosciuti tutti gli istituti contrattuali previsti dal CCNL, risultano nell’organico lavoratori sotto inquadrati e con mansioni diverse da quelle poi svolte.

La FP CGIL si è riservata inoltre di promuovere apposito esposto anche nei confronti del comune di Teano che in qualità di “stazione appaltante” è tenuto al controllo del rispetto delle norme di sicurezza e del CCNL.

“Vogliamo comprendere come mai il comune non abbia mai effettuato alcun controllo, quando è del tutto evidente che la TLZ srl non sta rispettando le normative. Come mai i vigili urbani, che quasi tutti i giorni fanno visita al deposito degli automezzi, consentono di far circolare automezzi che non rispettano né il Capitolato di Appalto né Codice della strada, mettendo a rischio l’incolumità dipendenti e cittadini?” – dichiara il segretario provinciale della FP CGIL di Caserta Raffaele MAIETTA – “In base alle risposte che ci verranno fornite e alle misure che il comune di Teano adotterà, valuteremo se inoltrare o meno apposito esposto alla Procura della Repubblica di Santa Maria C.V., per palese violazione delle leggi che regolamentano gli appalti pubblici, il trasporto e la raccolta dei rifiuti urbani”.