IL SINDACO CARLO MARINO AL CONSIGLIO COMUNALE: TRASFERIAMO FIDUCIA AI CASERTANI!

di GESUALDO NAPOLETANO

CASERTA. Questo il discorso di chiusura del Consiglio comunale di oggi 28 Dicembre 2016 , fatto dal sindaco Carlo Marino , il quale ha voluto lanciare a tutti i cittadini casertani il suo messaggio di positività:

” Nell’ambito del nostro mandato abbiamo detto chiaramente che noi siamo per quelli che vogliono costruire un nuovo modello di città partendo dal buon governo dell’amministrazione. In questi sei mesi tutti quanti abbiamo cercato di guardare sempre il lato positivo di questa città. Dobbiamo costruire la nuova comunità narrando le positività di questa terra. Però forse è stato un errore non aver raccontato alla città quello che abbiamo trovato e quello che noi come giunta in sei mesi abbiamo cercato di mettere in campo. Siamo partiti al 20 novembre 2011 con un dissesto di 15o milioni di euro. Siamo arrivati dal 21 novembre 2011 al 31 dicembre 2015 con un debito fuori bilancio da parte dell’amministrazione di meno 28 milioni di euro. Questo significa secondo dissesto. In più oggi abbiamo una situazione che nel 2016 ha pagato tutte le negatività in seguito allo sforamento, avvenuto nel 2015, del patto di stabilità. Non solo, quindi, dobbiamo restituire un dissesto di 150 milioni di euro, ma ciò significa anche non potersi indebitare, aumentare completamente le tasse ai cittadini, avere una procedura assolutamente rigida sul personale, non poter fare più assunzioni, non poter nominare dirigenti, non poter fare tutta una serie di occasioni per poter governare meglio. Si paga così una penalty (dover recuperare la tua massa debitoria). Ad oggi restano altri 75 milioni di euro di debiti. Il meno 28 milioni di euro speriamo di recuperarli con un fondo di rotazione, che deve pagare in 10 anni il quadro debitorio che è stato accumulato dal 21 novembre 2011 al 31 dicembre 2015. Se noi non approviamo i debiti fuori bilancio , di fatto non viene approvato il riequilibrio e siamo così il secondo dissesto della città di Caserta. Io voglio che non ci piangiamo addosso , dobbiamo essere positivi, dobbiamo guardare con affascinante attenzione a questa città nella convinzione di poterla affrontare in tutti i sensi”.

Il sindaco ha poi continuato dicendo:” Sono d’accordo che bisogna migliorare il verde, ma prima si spendevano 800.000 euro, oggi solo 15.000 euro per la potatura dell’erba; e bisogna dire che questa città ad oggi non si può assolutamente permettere di spendere 800.000 euro. Siamo una città che deve affrontare un risanamento del debito fuori bilancio, una città che ha sicuramente difficoltà economiche e sociali. Naturalmente nel 2017 ci sarà un respiro maggiore e potremo fare investimenti forti sulla pubblica illuminazione, sul verde, sulla manutenzione delle strade, sull’emergenza delle scuole. Il 30 marzo 2017 sarà inoltre completato l’asse del Policlinico di Caserta”.

In conclusione Carlo Marino :”Devo un grazie a tutti i consiglieri comunali, perchè da questo dibattito emerge una voglia di partecipazione attiva alla nuova civitas della città , e anche la discussione animata sui temi che riguardano la città , sono convinto che ci porterà ad avere una Caserta migliore. Dobbiamo trasferire ai casertani fiducia, perchè solo così facendo, quelle false dichiarazioni di ritenerci sempre città malata del Sud verranno sicuramente superate. Mi auguro finalmente per le prossime generazioni un’occasione migliore per poter vivere in questa città. Possiamo permetterci di perdere una sfida politica ma non possiamo in alcun modo perdere la sfida delle nuove generazione di Caserta”.

Al discorso di Marino erano presenti Enrico Tresca (segretario cittadino del PD) e il Consigliere Regionale Luigi Bosco (Campania Libera).