Il sindaco de Filippo fa la sua segnalazione e lancia una sfida

Quanto durerà?

Maddaloni. Decine e decine le segnalazioni che giungono alla casa comunale, alla nostra testata, che appaiono sui social: spesso riguardano la presenza di ingombranti in strada, in ogni dove. Spuntano come funghi, molte volte con la complicità del buio, e deturpano interi quartieri. Ma chi li sversa? Vengono da fuori? Raramente, secondo il primo cittadino. Sono i residenti stessi? E perchè? Quale è lo scopo? Disfarsene? C’è un numero dedicato. Rovinare l’immagine di Maddaloni. Ci riescono, eccome se ci riescono.

E così da via Pintime a via Feudo, passando per il cuore storico della città, divani, specchi, materassi, elettrodomestici. Davvero di tutto di più, da far invidia ai mercati delle pulci più attrezzati.

Stamattina, sotto la pioggia incessante, si sta provvedendo all’ennesima rimozione. Il sindaco in testa ha partecipato alle operazioni. Nelle strade più larghe, come via Feudo e via De Carlucci si stanno utilizzando gli scarrabili.

Le strette viuzze del centro storico saranno più difficili da percorrere con questi mezzi, per cui si stanno studiando soluzioni alternative.

E il sindaco Andrea De Filippo, dopo averci segnalato che le strade sono sgombre, lancia una sfida ai suoi concittadini: oggi è 5 gennaio 2021… quanto durerà? Quo usque tandem? dicevano i latini.

La città è dei cittadini, e il sindaco chiede rispetto delle regole e collaborazione per individuare e punire gli “zozzoni”. E chissà che il 2021, tra le altre cose, non ci libererà anche dalle installazioni di rifiuti.