La Giunta di Caserta ha deliberato la realizzazione di due piste ciclabili

La realizzazione dovrebbe interessare Via Verdi, Via Renella, Via Unità Italiana e Corso Giannone. Ma l'integrazione con le piste ciclabili dei comuni viciniori è ancora lontana, specialmente quella con San Nicola la Strada.

La Giunta comunale, nel corso della sua riunione di mercoledì, 3 luglio 2019, ha deliberato la realizzazione di due piste ciclabili in Via Verdi, Via Renella, Via Unità Italiana e in Corso Giannone. L’iniziativa, proposta dal vicesindaco Franco De Michele, prevede opere per 152mila euro circa cofinanziate dalla Regione Campania, ed è indirizzata a realizzare piste ciclabili, in ambito urbano, considerate strategiche per il territorio comunale. “Abbiamo” – dice il sindaco Carlo Marino – “una naturale vocazione ad essere e diventare una città bike-frendly.

A stimolare tale opportunità, oltre ad un tangibile e mirato sviluppo infrastrutturale, deve contribuire un cambiamento culturale e di abitudine della cittadinanza. Sono certo che l’ottimizzazione della rete delle piste ciclabili in città sarà elemento determinante per raggiungere nuovi stili di vita, più aderenti alla necessità di una sempre maggiore tutela dell’ambiente”. “L’intervento” – spiega il vicesindaco Franco de Michele – “ha una duplice finalità: la riqualificazione e la messa a sistema di un asse ciclabile esistente che collega la stazione ferroviaria alla zona orientale della città di Caserta e che rappresenta un primo ramo di una rete ciclabile futura che porti a compimento la vocazione della città all’uso della bicicletta; la realizzazione di una nuova pista ciclabile che permetta la fruizione da parte dei ciclisti del corso Giannone, l’arteria cittadina che confina con il Parco della Reggia di Caserta e, conseguentemente, rappresenta anche il primo collegamento al centro cittadino per gli abitanti che vivono nella area settentrionale della nostra città”.

La notizia non può che farci felici, ma vorremmo ricordare che già in passato il Comune di San Nicola la Strada avrebbe dovuto realizzare una pista ciclabile in territorio casertano, grazie al permesso ottenuto dall’allora Amministrazione comunale. Ma di ciò non se ne fece più nulla. Infatti a dicembre del 2012, venne firmato fra l’allora Sindaco pro-tempore di Caserta, Pio DEL GAUDIO, e quello di San Nicola la Strada, Pasquale DELLI PAOLI, il protocollo d’intesa con il quale il sindaco di Caserta autorizzava il Sindaco di San Nicola la Strada alla realizzazione di una pista ciclabile sul tratto di strada di loro pertinenza, considerato anche che il Comune di San Nicola la Strada aveva proposto anche che si sarebbe occupata della manutenzione di entrambi i percorsi ciclabile. Il tratto di strada interessato è quello che riguarda il secondo tratto di Via Appia (tra Via Paul Harris e Via Monti) e Via Monti (in tenimento di San Marco Evangelista.

Per il tratto che interessa Via Appia non è possibile realizzare una pista costituita da due percorsi (andata e ritorno) lungo il marciapiede di pertinenza del Comune di San Nicola la Strada. Però i tecnici comunali avevano considerato che era possibile dividere i due percorsi utilizzando il marciapiede di pertinenza del Comune di San Nicola la Strada per l’andata e quello di pertinenza di CASERTA per il ritorno. La pista ciclabile in questione risaliva addirittura al 2009. Infatti, quell’anno l’assessorato all’Urbanistica della Regione Campania, con Decreto Dirigenziale pubblicato sul BURC n. 63 del 19 ottobre 2009, approvò la proposta preliminare di pista ciclabile dell’Amministrazione comunale di San Nicola la Strada. Erano tre i comuni interessati alla pista ciclabile: Maddaloni, San Marco Evangelista e San Nicola la Strada, per complessivi 3.8 km. La realizzazione di nuove piste ciclabili sul territorio regionale rappresenta un segnale significativo per la promozione della mobilità sostenibile in Campania.

Ma è soprattutto un’occasione per mettere in campo un’infrastruttura strategica in grado di intercettare il fenomeno in espansione del turismo ciclabile europeo. L’Amministrazione Comunale guidata allora dal sindaco Angelo Antonio Pascariello all’inizio del 2009 partecipò al bando emanato dalla Regione Campania e pubblicato sul BURC n. 47 del 24 novembre 2008, con il quale, quest’ultima, stanziava risorse per la realizzazione di piste ciclabili con priorità a quei percorsi che sono in collegamento con altri percorsi ciclabili. L’allora Sindaco di San Nicola La Strada, Angelo Antonio Pascariello, e l’assessore ai Lavori Pubblici Giovan Battista Zampella, approvarono il progetto definitivo denominato “Itinerari ciclabili relativi alla mobilità ciclistica in ambito urbano ed extraurbano – Appia Ciclabile”, inserito nel programma triennale delle Opere Pubbliche 2010/2012, approvato con delibera di G.C. n. 115 del 24 settembre 2009.

Si tratta, in pratica, dello stralcio funzionale sul territorio di San Nicola la Strada della proposta progettuale unitaria tra i Comuni di San Nicola la Strada, San Marco Evangelista, Maddaloni e Provincia di Caserta per un importo complessivo di euro 95.500,00. L’esecutivo diede atto che le risorse per l’esecuzione dei lavori, così come stabilito nel protocollo d’intesa, sottoscritto tra i Comuni di San Nicola la Strada, San Marco Evangelista e Maddaloni, saranno così ripartite: 50% a carico della Regione Campania per 47.750 euro; 25% Provincia di Caserta, con un costo pari a 23.875 euro; 25% a carico del Comune di San Nicola la Strada per complessivi 23.875 euro, per un totale complessivo pari a 95.500 euro.

L’itinerario ciclabile partendo da Via Paul Harris (zona Saint Gobain) toccherà San Marco nelle zone di via 8 Marzo, via Monti, via Appia e Piazza Gramsci con interconnessioni in via Cornato con Maddaloni e in via Appia con San Nicola. A via Monti, in particolare, si sarebbe dovuto realizzare un’area di sosta con verde attrezzato, fontane e sosta per velocipedi. I CITTADINI DI SAN NICOLA LA STRADA STANNO ANCORA ASPETTANDO.