Mondragone. Ancora una volta salta la corsa Baia Domitia -Caserta delle ore 17.30. Pendolari al gelo per ben due ore

Una vera e propria " rivolta " si e' verificata questa sera, mercoledi' 6 febbraio 2019,  sul pullman di linea Dav Angelino lungo la tratta Baia Domizia- Caserta

di Giovanna Paolino

Mondragone. Una vera e propria ” rivolta ” si e’ verificata questa sera, mercoledi’ 6 febbraio 2019,  sul pullman di linea Dav Angelino lungo la tratta Baia Domizia- Caserta.

A ribellarsi sono stati i pendolari che da Baia Domizia prendono il pullman delle ore 17.30 per rientrare alle loro abitazioni.  Il percorso attraversa una serie di comuni come Mondragone, Falciano del Massico, Carinola con le frazioni di Nocelleto, Sant’Andrea del Pizzone fino ad arrivare a Capua, a Santa Maria C.V. ed infine  a Caserta.

Ebbene, ancora una volta questa sera i pendolari delle 17.30 sono stati lasciati all’addiaccio. Il pullman che avrebbe dovuto portarli alle loro abitazioni , anche questa sera, non e’ passato.

Una situazione di estremo disagio per gli abbonati alla linea Dav Angelino considerato anche il clima rigido di questi giorni. Si pensi che  gli utenti sono stati fermi per ben due ore ad aspettare il pullman che alle ore 17.30  avrebbe dovuto essere di partenza da Baia Domitia .  A salvare questi malcapitati  e’ arrivato l’autobus Dav Angelino partito da Baia Domitia alle ore 19.00 e che e’ arrivato a Caserta alle ore 20.50.

Inutile raccontare la rabbia dei pendolari che erano in un primo momento  intenzionati a segnalare il ripetersi del disagio ai Carabinieri di MOndragone, decidendo, poi, di riservarsi   tale decisione alla prossima ” buca” da parte dell’azienda.

Non e’ infatti la prima volta che  salta la corsa delle 17.30. Mediamente, circa, il disagio si verifica almeno un paio di giorni  la settimana. Nel caso specifico e’ successo sia lunedi’ 4 febbraio, sia oggi, mentre la corsa  delle 17.30 si e’ svolta  regolarmente ieri martedi’ 5 febbraio 2019.

Questi fatti dimostrano che non vi e’ stata alcuna soppressione della corsa, come ,invece, qualcuno all’interno dell’azienda, avrebbe  cercato di fare credere.

La rabbia dei pendolari si e’ acuita anche perche’ gli stessi, chi dalla fermata di Mondragone, chi dalla fermata di Carinola, chi dalla fermata di Sant’Andrea del Pizzone,  cercavano di contattare l’azienda per avere notizie circa il ritardo del pullman: ma dagli  uffici non si riusciva a sapere niente.

In genere , i ritardi della linea Angelino vengono giustificati con la consueta frase ” si e’ verificato un guasto al pullman”: il problema, pero’, e’ che questi guasti si verificano spesso.

Ci chiediamo : l’azienda e’ in grado di gestire una tratta cosi’ lunga, considerati i numerosi guasti che si adducono a causa dei ritardi? Se non e’ cosi’ , per quale ragione il servizio pubblico , di cui la ditta Dav Angelino e’ titolare per conto della Regione Campania ,  che elargisce  finanziamenti all’azienda di trasporto pubblico locale,  viene continuamente interrotto? Ed ancora : la ditta Dav Angelino viene ugualmente pagata dalla Regione Campania anche quando ” le corse saltano” oppure la Regione non  e’ a conoscenza di tali disguidi  ?